Tiscali.it
SEGUICI

Al via i lavori per realizzare il primo giardino pubblico per malati di Alzheimer

Nascerà all’interno di un parco comunale entro il prossimo anno. A firmare il progetto è Andrea Mati, massimo esperto nazionale in giardini terapeutici e docente al master in Orticoltura terapeutica dell'Università di Bologna

TiscaliNews   
Foto Ansa
Foto Ansa

Nel 2024 a Cesena sarà realizzato il primo giardino terapeutico in Italia per i malati di Alzheimer all'interno di uno spazio urbano pubblico. Il progetto è stato presentato in occasione della settimana della Maratona Alzheimer 2023, che si è chiusa domenica 10 settembre: una serie di iniziative organizzate dalla Fondazione Maratona Alzheimer per tenere accesa l'attenzione sui diritti delle persone colpite da demenza. L'idea del giardino terapeutico nasce dalla Fondazione e da Anap Confartigianato, con la collaborazione del Comune di Cesena. A firmare il progetto è Andrea Mati, massimo esperto nazionale in giardini terapeutici e docente al master in Orticoltura terapeutica dell'Università di Bologna.

Gli obiettivi

Tra gli obiettivi, alleviare i sintomi della patologia e favorire la riconnessione con la natura. Questo spazio verde speciale sorgerà nel cuore di Cesena, all'interno dei Giardini pubblici di via Giuseppe Verdi: "E' importante che il giardino terapeutico - sottolinea il sindaco di Cesena Enzo Lattuca - venga inserito in uno spazio pubblico non solo ad uso e servizio esclusivo delle persone con demenza, come già avviene magari in alcune strutture specializzate. Questo è un tentativo di includere nella comunità, di coinvolgere anche le persone malate non ricoverate che possono vivere questo luogo con i loro familiari, senza stigma e vergogna".

Il giardino si svilupperà su due aree lungo un percorso circolare: la zona della riattivazione sensoriale e della reminiscenza (affioramento dei ricordi positivi dell'infanzia e giovinezza) della memoria a lungo termine e la zona della riabilitazione motoria; al centro un'aiuola di piante aromatiche per la riattivazione sensoriale e un sistema di orti a cassoni per attività manuali. Ci saranno le camelie, per il loro intenso colore e alberi come olivo e ciliegio "per il loro valore culturale, di piccole dimensioni e dalla chioma molto aperta, in modo da evitare la proiezione di ombre profonde", si legge nel progetto. La proposta è quella di un luogo di cura, di un viaggio nel verde, che aiuti le persone con demenza e i loro caregiver a scaricare l'ansia e ritrovare momenti di serenità.

TiscaliNews   

I più recenti

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...