Tiscali.it
SEGUICI

Dalla pianura alla montagna, il viaggio della vegetazione che tenta di sfuggire al “supercaldo”

La previsione degli scienziati sul futuro di oltre 7mila specie vegetali nella savana del Cerrado in Brasile

TiscaliNews   
Oxypetalum erectum - Tratta da EurekAlert.com
Oxypetalum erectum - Tratta da EurekAlert.com

Alcune specie di piante "vinceranno" e altre "perderanno" poiché il riscaldamento globale le costringerà a spostarsi più in vetta. Lo rivela uno studio condotto dalle università di Exeter e Campinas, dal Royal Botanic Garden di Edimburgo e dal Trinity College di Dublino, pubblicato sulla rivista Diversity and Distributions. Gli scienziati hanno esaminato l'attuale gamma di piante nella savana del Cerrado in Brasile, che comprende oltre 7.000 specie, e hanno effettuato previsioni relative ai cambiamenti innescati riscaldamento globale entro il 2040. Il destino delle specie vegetali dipenderà da dove vivono: le specie di pianura possono spostarsi più in alto e giovare di condizioni più fresche, ma le piante di montagna non hanno nessun posto dove andare. "Ogni specie vegetale e animale ha un 'areale geografico', ovvero l'area in cui le condizioni sono adatte per la loro sopravvivenza - ha spiegato Mateus Silva, dell'Università di Exeter -. Con il riscaldamento del clima, gli areali delle piante si stanno spostando verso le vette. Questo è lo schema che abbiamo trovato nel Cerrado, suggerendo che le aree di pianura possono diventare hotspot locali di estinzione, mentre le montagne ospiteranno nuove combinazioni di specie vegetali", ha precisato.

Il Cerrado rappresenta solo lo 0,4% della superficie terrestre del pianeta, ma ospita il 3,5% di tutte le piante da fiore, circa 12.000 specie, un livello di diversità simile a quello della foresta amazzonica brasiliana. Il gruppo di ricerca ha utilizzato i modelli di distribuzione delle specie per individuare le condizioni in cui si trovano le singole specie di piante, confrontandole poi con i dati climatici, tra cui le variazioni di temperatura e precipitazioni. L'èquipe ha scelto un orizzonte temporale relativamente breve, concentrandosi sui cambiamenti entro il 2040, per garantire che i risultati fossero utili per gli attuali sforzi di conservazione. Sebbene si prevedano effetti più drammatici in un periodo più lungo, i risultati suggeriscono che circa 150 specie di piante rischiano una "riduzione critica" entro il 2040, perdendo oltre il 70% del loro areale.

"Circa la metà delle specie vegetali del Cerrado subirà una perdita netta di areale a causa dei cambiamenti climatici entro il 2040 - ha aggiunto Silva -. E più di due terzi, circa il 68 e il 73%, dei paesaggi del Cerrado vedranno una perdita netta nel numero di specie. Praticamente l'intera area del Cerrado subirà un certo livello di sostituzione delle specie a causa del cambiamento climatico, e questo sarà più intenso nelle zone di altopiano. Nel frattempo, le aree di pianura avranno una minore diversità vegetale, poichè alcune specie non sono in grado di tollerare le nuove condizioni", ha sottolineato Silva.

I ricercatori affermano che i loro scenari sono "ottimistici", poichè hanno preso in considerazione solo i cambiamenti climatici. Un'ulteriore minaccia è la distruzione diretta della savana del Cerrado, di cui circa la metà è già stata disboscata per coltivare o far pascolare il bestiame. "La perdita di areale evidenziata dal nostro studio sarà aggravata dalla perdita e dalla frammentazione dell'habitat, che rende più difficile per le specie spostarsi in nuove aree - ha affermato Silva -. E' anche importante notare che il nostro studio non ha esaminato le interazioni tra le specie: è probabile che anche questa complessa ecologia svolga un ruolo importante. In questa fase, abbiamo voluto evidenziare il probabile impatto dei modelli su larga scala. Le aree di altopiano del Cerrado raggiungono dai 700 ai 1.200 m di altitudine e offrono condizioni diverse da quelle delle pianure, evidenziando la necessita' di azioni di conservazione distinte", ha concluso Silva.

TiscaliNews   
I più recenti
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...