Tiscali.it
SEGUICI

Solo e malnutrito, la storia del leone ridotto pelle e ossa e lo zoo cinese che non prova vergogna

Dalla direzione tentano di giustificare la realtà dei fatti dicendo che l’animale ha semplicemente difficoltà di masticazione, e dunque è costretto a seguire una dieta liquida

TiscaliNews   

Che strazio vedere queste immagini. L’esemplare ripreso in video è ospite – ma forse il termine più appropriato dovrebbe essere “prigioniero” – presso lo zoo Jinniu Lake Safari Park di Nanchino, in Cina. Denutrito, quasi il fantasma di un re della savana ormai deposto, si trascina sulle zampe con evidente dolore. E lo fa in totale solitudine, all’interno di un recinto che ormai non ha la “fortuna” di condividere con altri della sua specie. Un isolamento forzato insomma, che ha colpito anche i tanti che ogni giorno si recano al parco - termine gentile usato oggi per definire le prigioni di questi poveri animali - con i propri bambini. Ala, questo il nome del felino, è abbandonato al proprio destino.

La giustificazione dello zoo

Dalla direzione tentano di giustificare la realtà dei fatti dicendo che l’animale ha semplicemente difficoltà di masticazione, e dunque è costretto a seguire una dieta liquida. Il suo stato di salute sarebbe - dicono dallo zoo - ottimale: si prendono cura del felino i veterinari del parco… Peccato che i filmati dicano tutt’altro. Associazioni animaliste e visitatori chiedono a gran voce il trasferimento del leone in una struttura attrezzata, un luogo dove ci si possa realmente prendere cura di lui. Ala, come molti suoi simili, e altri sfortunati animali appartenenti ad altre specie, si trova in gabbia da tantissimi anni. Strappato dalla sua amata Africa, dove viveva libero, è stato messo in vendita e acquistato dallo zoo, che lo usa come banale attrazione, finché morte non sopraggiunga con l’agognato riposo.

TiscaliNews   
I più recenti
In passato era stata trovata in Liguria. In foto, i rilievi. Ansa
In passato era stata trovata in Liguria. In foto, i rilievi. Ansa
Immagine tratta da un video registrato durante le esercitazioni di aprile 2023
Immagine tratta da un video registrato durante le esercitazioni di aprile 2023
Orsi, la Romania sceglie la soluzione drastica
Orsi, la Romania sceglie la soluzione drastica
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...