Tiscali.it
SEGUICI

Le "stelle marine girasole" possono proteggere le foreste di alghe kelp dai ricci

Ma un’epidemia ha sterminato il 90,6 per cento dei circa 5 miliardi di esemplari, provocando un boom della popolazione dei ricci mangiatori di alghe

di GreenReport.it   

Le gigantesche alghe del kelp sono una specie fondamentale che occupa quasi il 50 per cento delle ecoregioni marine del mondo. Prosperano soprattutto in acque fredde, dove formano grandi foreste acquatiche che forniscono habitat, cibo e rifugio essenziali per molte specie. La loro sensibilità a determinate condizioni di crescita significa che per loro i cambiamenti climatici e il riscaldamento degli oceani sono particolarmente problematici. Queste grandi alghe vengono spesso raccolte per utilizzarle per realizzare prodotti che vanno dal dentifricio e shampoo a budini e torte, e aiutano anche a sostenere il ciclo dei nutrienti, la protezione del litorale e la pesca commerciale. Secondo gli economisti, le macro-alghe valgono per l’economia globale miliardi di dollari all’anno.

Lo studio “Sunflower sea star predation on urchins can facilitate kelp forest recovery pubblicato su Proceedings of the Royal Society B da un team di ricercatori statunitensi guidato dall’Oregon State University (OSU) fornito la prima prova sperimentale che la stella marina girasole (Pycnopodia helianthoide). Una specie in via di estinzione, protegge le foreste di alghe lungo la costa nordamericana del Pacifico, predando un numero considerevole di ricci mangiatori di alghe.

Kelp minacciato dai ricci di mare

All’OSU sottolineano che “lo studio è importante perché il kelp, grandi alghe con un’enorme importanza ecologica ed economica in tutto il mondo, sono sotto assedio per i cambiamenti ambientali e il pascolo eccessivo dei ricci di mare”.

I risultati, frutto di una collaborazione interdisciplinare che comprendeva anche scienziati delle università dell’Oregon, Washington – Seattle, Florida State e The Nature Conservancy, suggeriscono che "la stella marina girasole probabilmente svolge un ruolo molto più importante nella salute della foresta di alghe di quanto si pensasse in precedenza".

Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che Pycnopodia helianthoides, consumano ricci a velocità sufficienti per mantenere e forse ripristinare la salute delle foreste di alghe. Per questo, gli autori dello studio chiedono «Una gestione attiva e un recupero coordinato della stella marina girasole».

Una delle autrici dello studio, Sarah Gravem  del Department of integrative biology e Partnership for interdisciplinary studies of coastal oceans dell’OSU, evidenzia che “quello che abbiamo visto suggerisce un chiaro legame tra il collasso delle stelle marine, l’esplosione delle popolazioni di ricci di mare e il declino delle alghe. Inoltre, indica il recupero delle stelle marine come un potenziale strumento chiave per il recupero delle foreste di alghe”.

Il problema è che, dopo uno studio sulla consistenza delle sue popolazione condotto dall’OSU e The Nature Conservancy, nel 2020 la stella marina girasole è stata  elencata come in pericolo di estinzione nella Lista Rossa dell’International Union for Conservation (IUCN). La Gravem  ricorda che “le popolazioni della stella marina girasole hanno subito un drastico calo a causa di un evento epidemico della fauna marina, denominato sindrome da deperimento delle stelle marine, iniziato nel 2013”.

Nello studio sulla popolazione, gli scienziati hanno utilizzato più di 61.000 censimenti, provenienti da 31 dataset, calcolando così che il calo delle stelle marine girasole è stato di ben il 90,6% e stimando che la sindrome da deperimento delle stelle marine, la cui causa non è stata determinata, ha sterminato 5,75 miliardi di Pycnopodia helianthoides. Come se non bastasse dalla ricerca non emerge nessuna ripresa della popolazione di stelle marine girasole, in nessuna regione, negli anni successivi allo scoppio dell’epidemia.

Gli scienziati dicono che “le stelle marine di girasole sono ora quasi assenti in Messico così come nella maggior parte degli Stati Uniti contigui. Nessuna stella marina girasole è stata vista in Messico dal 2016 e solo una manciata è stata trovata in Oregon e in California dal 2018”.

I ricercatori hanno subito ipotizzato che il declino delle stelle marine girasole abbia contribuito a favorire un’esplosione nella popolazione di ricci di mare (Strongylocentrotus purpuratus) in molte aree, con una sovrabbondanza di ricci che esercita una pressione aggiuntiva sulle foreste di kelp già minacciate da ondate di caldo marine.

Ma la Gravem fa notare che «Prima dell’ultimo studio, la relazione tra stelle marine, ricci e alghe non era stata quantificata». Il principale autore dello studio, Aaron Galloway di The Nature Conservancy e dell’OSU, concorda: “Questo studio affronta questa lacuna e i risultati sono significativi e in qualche modo sorprendenti. Abbiamo scoperto che queste stelle sono avide consumatrici di ricci viola e, cosa più importante, mangiano persino i ricci ‘zombie’ poveri dal punto di vista nutrizionale e affamati”.

Altri importanti predatori di ricci di mare viola, come le lontre marine, sono generalmente noti per evitare di mangiare ricci affamati provenienti dalle “barrens” - enormi tappeti sottomarini di ricci che hanno divorato le loro scorte di cibo e possono sopravvivere per anni senza praticamente mangiare. fino a quando le alghe non ricrescono.

Il nuovo studio, finanziato da The Nature Conservancy e dalla National Science Foundation, dimostra che “una stella marina girasole mangia in media circa 0,68 ricci di mare al giorno, e che mangiano i ricci affamati, quelli associati alle barrens, il 21% più velocemente di quanto consumano i ricci ben nutriti tipici delle foreste di alghe sane”.

La Gravem conclude: “Mangiare meno di un riccio al giorno potrebbe non sembrare molto, ma pensiamo che ci fossero oltre 5 miliardi di stelle marine girasole. Abbiamo utilizzato un modello per dimostrare che le densità pre-malattia delle stelle marine sulla costa occidentale degli Stati Uniti erano in genere più che sufficienti per mantenere basso il numero di ricci di mare e prevenire la formazione di barrens. Dato che è improbabile che il recupero della stella marina girasole avvenga a breve termine senza intervento, i ricercatori hanno sviluppato una Roadmap to Species Recovery che include il primo programma di riproduzione in cattività al mondo per la specie e un percorso per la reintroduzione”.

A cura di GreenReport.it

di GreenReport.it   
I più recenti
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...