"Salviamo la Sardegna e le sue coste", l'appello alla Regione per fermare il nuovo piano edilizio

Al Consiglio regionale della Sardegna sta per arrivare un disegno di legge, approvato il 23 dicembre dall’esecutivo guidato da Christian Solinas, che rischia, se sarà approvato definitivamente, di moltiplicare cubature edilizie perfino nei 300 metri dalla battigia

Sardegna, un mare di bellezza
Sardegna, un mare di bellezza
TiscaliNews

Al Consiglio regionale della Sardegna sta per arrivare un disegno di legge, “Disposizioni per il riuso, la riqualificazione ed il recupero del patrimonio edilizio esistente e di materia di governo del territorio”, approvato il 23 dicembre dall’esecutivo guidato da Christian Solinas, che rischia, se sarà approvato definitivamente, di moltiplicare cubature edilizie perfino nei 300 metri dalla battigia. In calce e in allegato la lettera appello indirizzata alla Giunta e al Consiglio Regionale della Sardegna, ai Ministri competenti, alle Soprintendenze, ai membri del Parlamento Italiano, ai media.

Salviamo la Sardegna e le sue coste  

La Sardegna, il suo mare e le sue coste, sono un patrimonio dei sardi, degli italiani, dell’umanità. Un valore inestimabile per la sua natura, la sua storia, la sua cultura millenaria, da conservare e tramandare alle generazioni future. Eppure tale ricchezza è continuamente messa in pericolo, e consumata un pezzo per volta, da interessi che guardano solo al presente, e solo ai vantaggi per pochi. In nome dei profitti derivanti dallo sfruttamento del turismo si riducono e sviliscono   l’ambiente e il paesaggio, imboccando una strada che non può che portare alla progressiva distruzione di quella bellezza che attira i turisti di tutto il mondo, e che rende i sardi fieri della loro terra.

Oggi l’ennesimo disegno di legge regionale che intende moltiplicare cemento e cubature edilizie, persino nella fascia più prossima al mare e nelle aree agricole, incombe sul futuro dell’isola. Prima che il provvedimento ottenga l’approvazione del Consiglio Regionale, chiamiamo il mondo della politica, della cultura, dell’impegno civico della Nazione a mobilitarsi perché le coste della Sardegna non vengano ulteriormente umiliate e ferite da disposizioni ad alto rischio di incostituzionalità.

Chiediamo che siano rispettati i vincoli di inedificabilità della fascia costiera, in particolare dei 300 metri dalla battigia, che da decenni difendono le coste della Sardegna (*), previsti anche dal Piano Paesaggistico Regionale (P.P.R.), vincoli ignorati dal DDL, per ottenere, con il sempiterno fasullo appello al miglioramento ecologico del patrimonio edilizio esistente e allo “sviluppo sostenibile”, un effimero ritorno economico per alcune categorie.

Mentre il mondo si infiamma per il rischio, sempre più imminente, di un disastro ambientale per il dissennato sfruttamento delle risorse comuni, tanto preziose quanto limitate, e la politica ufficiale si erge a paladina delle disperate richieste dei giovani che guardano con angoscia al proprio futuro, nelle aule delle Pubbliche Amministrazioni si continua a perseguire una visione miope e particolaristica. E’ ora di cambiare profondamente modello, e tutelare fino in fondo le coste della Sardegna. Tutelare l’ambiente, il Paesaggio, la memoria vuol dire salvare il futuro delle persone.  

Chi ha firmato il documento

Stefano Deliperi, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Sandro Roggio, Ella Baffoni, Mauro Baioni, Paola Bonora, Massimo Bray, Carlo Cellamare, Vezio De Lucia, Lidia Decandia, Vittorio Emiliani, Domenico Finiguerra, Paolo Flores, Ebe Giacometti, Maria Pia Guermandi, Maria Cristina Lattanzi, Paolo Maddalena, Anna Marson, Fausto Martino, Tomaso Montanari, Giuseppe Morganti, Pancho Pardi, Rita Paris, Enzo Scandurra, Giancarlo Storto, Walter Tocci.  

Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus, Carteinregola, CILD (Centro d'Iniziativa per la Legalità Democratica) Cittadinanzattiva onlus, Cittadinanzattiva Sardegna onlus, Coordinamento Nazionale Mare Libero, Eddyburg, Emergenza cultura, Forum Salviamo il paesaggio, Italia Nostra onlus, VAS (Verdi Ambiente Società).

I vincoli di inedificabilità

Fin dal 1976 (legge regionale Sardegna n. 10/1976) esiste il vincolo di inedificabilità nella fascia dei 150 metri dalla battigia marina, proprio per preservare le coste dalla trasformazione immobiliare;

Dal 1993 il vincolo di inedificabilità difende la fascia dei 300 metri dalla battigia marina (legge regionale Sardegna n. 23/1993);

Il piano paesaggistico regionale (P.P.R.) della Giunta Soru ha ampliato e specificato la disciplina della salvaguardia costiera, consolidando l’inedificabilità della fascia costiera ( art. 19 e 20 delle Norme di attuazione del PPR) e  in particolare dei 300 metri dalla battigia marina, come autorevolmente riconosciuto dalla giurisprudenza costituzionale e amministrativa;

E'  ampiamente condivisa nell’opinione pubblica la necessità di norme di tutela forti e efficaci per la difesa delle coste dalla trasformazione immobiliare e, in particolare, dalla speculazione edilizia;

L’efficacia della salvaguardia delle coste della Sardegna viene posta in pericolo da reiterati provvedimenti legislativi, dei governi di diverso orientamento, che consentono incrementi delle volumetrie con l’alibi del sostegno alle famiglie (“piano casa”) e da recenti proposte di legge regionali che mirano a un vero e proprio svuotamento delle normative di difesa dei litorali, con particolare riferimento alla fascia costiera tutelata dal PPR.