Tiscali.it
SEGUICI

Ambiente, rifiuti, discariche e fogne: multe salate della Ue all’Italia. Ci costano centinaia di milioni di euro

Le infrazioni alle norme ambientali hanno portato a severe condanne da parte della Corte di giustizia, si parla di oltre 620 milioni di euro.

TiscaliNews   
Una discarica (Ansa)
Una discarica (Ansa)

La poca attenzione a certe politiche ambientali costa cara al nostro Paese. Gestione dei rifiuti in Campania, discariche illegali e irregolarità su fogne e depuratori nelle aree urbane: queste le tre infrazioni alle norme ambientali Ue per cui l'Italia negli ultimi anni è stata condannata dalla Corte di giustizia Ue a pagare multe costate finora oltre 620 milioni di euro. E continuerà a pagare fino a che le violazioni non saranno completamente sanate.

Lo stato di attuazione della legislazione ambientale

La fotografia della situazione l'ha scattata la Commissione europea nel suo rapporto sullo stato di attuazione della legislazione ambientale nei Paesi dell'Unione. Nel documento l'Italia viene bocciata su rifiuti, sulla qualità dell'aria e sulla designazione delle zone protette Natura 2000. La Penisola è invece promossa per quanto fatto per promuovere l'economia circolare e mettere a punto i piani per i bacini idrografici. Le multe che vengono pagate dall'Italia sono legate a infrazioni che hanno storie ultradecennali. Il caso delle discariche illegali iniziò nel 2003. E si chiuse nel dicembre 2014, quando la Corte Ue decise per la multa: forfait di 40 mln, più 43 mln ogni sei mesi, con sconto per ogni discarica messa a norma.

Fogne e depuratori

Nell'aprile 2022 l'Italia stava ancora pagando ammende per 29 discariche irregolari, il 75 % delle quali nel Sud. Quella delle fogne e depuratori mancanti o non a norma nelle aree urbane della Penisola è una storia a sé. Per ora solo una procedura di infrazione, iniziata nel 2004, è arrivata all'esito finale nel 2018 (con una multa di 25 milioni 'una tantum' e oltre 30 milioni di sanzione per ogni semestre). Ma Bruxelles ne ha avviato altre nel 2009, 2014 e 2017. Infine il caso Campania, iniziato nel 2007. Nel 2015 la Corte Ue decise per una multa da 20 mln 'una tantum' e 120 mila euro per ogni giorno di ritardo nell'attuazione delle misure richieste dalla sentenza. I progressi ci sono stati e proseguono, spiega la Commissione, ma "servono interventi supplementari".

L’opportunità del Pnrr

Ora con il Pnrr, si legge nel rapporto di Bruxelles, l'Italia ha una opportunità in più per mettersi in regola e porre fine all'emorragia di risorse pubbliche poichè il piano prevede non solo una strategia nazionale per l'economia circolare, ma anche un programma nazionale di gestione dei rifiuti e investimenti nel trattamento delle acque reflue urbane.

TiscaliNews   
I più recenti
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Taylor Swift presa di mira dagli attivisti per il clima: cosa fanno al suo aereo privato
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...