Misteriosi dischetti di plastica continuano a spiaggiarsi sulle coste italiane

Secondo gli esperti servono alla depurazione delle acque, ma anche per la pulizia dei serbatoi delle navi

Foto Legambiente
Foto Legambiente
TiscaliNews

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano  a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati fin da aprile da Legambiente Arcipelago Toscano. Nei giorni scorsi a Procchio, la spiaggia del Comune di Marciana più colpita dal fenomeno, ne sono stati raccolti a centinaia, ma turisti e elbani li segnalano un po’ in tutte le spiagge dell’Isola. Fiorella Di Maio ha segnalato un cospicuo ritrovamento a Baratti (LI) e ha subito ricevuto altre numerose segnalazioni su Facebook.

Foto Legambiente

Altre segnalazioni arrivano da diverse località della costa pisana e livornese, da Viareggio e della Liguria. Dopo il loro primo ritrovamento all’Elba, i dischetti sono stati ritrovati recentemente a anche a Bastia, in Corsica e lungo la costa di Orosei e in altre località della Sardegna. Ma a quanto pare i dischetti sono arrivati anche più a sud, come a Marina di Pescia Romana, in provincia di Viterbo, al confine con la Toscana. Qualche dischetto nei giorni scorsi è stato segnalato perfino in Sicilia. Si tratta di un inquinamento che sembra non avere fine e che si sta ampliando da un’area che sembra coincidere con quella del cosiddetto vortice di microplastica presente a nord dell’Elba e tra l’Isola di Capraia e la Corsica.

Foto Legambiente

Si tratta di dischetti poco più grandi di un pollice e, come scrivevamo quasi 4 mesi fa, «Dischetti di questa tipologia si trovano in vendita anche su internet, spesso prodotti da industrie cinesi, e servono alla depurazione delle acque», ma anche per la pulizia dei serbatoi delle navi.

Foto Legambiente

Legambiente chiede che venga individuata la fonte di questo inquinamento – molto pericoloso per la fauna marina – che somiglia molto a quello provocato nel 2018 dal cedimento strutturale di un depuratore sul Sele, in Campania, anche se i dischetti che vengono trovati attualmente nel Tirreno settentrionale sono più piccoli e le loro dimensioni ridotte rendono ancora più difficile recuperarli e che possono essere più facilmente ingeriti da tartarughe marine e altre creature del mare.

A cura di GreenReport.it