L’allarme dei biologi marini, i lamantini stanno morendo di fame: nel 2020 deceduti 637 esemplari

In Florida, soltanto tra gennaio e febbraio, sono morti 358 lamantini

Foto Ansa
Foto Ansa
di GreenMe

In Florida, i decessi di lamantini stanno aumentando in maniera inquietante. Le morti relative a questa specie marina sono infatti più del doppio rispetto a quelle avvenute nello stesso periodo sia nel 2020 che nel 2019. Soltanto tra gennaio e febbraio di quest’anno, sono deceduti ben 358 lamantini e questi numeri sta mettendo in allarme i biologi marini e gli ambientalisti. La causa principale della moria sembra essere legata alla carenza di alghe di cui si nutre la specie. Ma questa, purtroppo, non è l’unica minaccia con cui devono fare i conti questi straordinari mammiferi marini.

Secondo i numeri forniti dai registri della Florida Fish and Wildlife Conservation Commission, nel corso del 2020 sono deceduti 637 lamantini. Nello specifico, tra gennaio e febbraio dello scorso anno sono state registrate 143 morti. Quest’anno, però, il numero di decessi è più che raddoppiato.

“È qualcosa che non abbiamo mai visto prima” – ha dichiarato Pat Rose, direttore del Save the Manatee Club, organizzazione no-profit impegnata nella tutela di questa specie marina –. “Sembra che un numero considerevole di lamantini stia morendo di fame”.

Le cause della moria dei lamantini in Florida

Ad aver giocato un ruolo cruciale nell’elevata mortalità dei lamantini è innanzitutto la carenza di alghe, di cui si nutre questa specie marina. Come spiega Pat Rose, tutto inizia con la qualità dell’acqua dell’oceano che negli ultimi anni è andata a peggiorare, provocando la perdita di alghe fondamentali per la sopravvivenza dei lamantini. Le morti di questi mammiferi marini, quindi, sono causate indirettamente dai cambiamenti climatici e dall’inquinamento delle acque, che in molti casi porta alla proliferazione di alghe tossiche.

Secondo la Florida Fish and Wildlife Conservation Commission, alcuni esemplari sono morti per via dello stress provocato da ondate anomale di freddo e a causa del traffico delle imbarcazioni. Ogni anno, infatti, in Florida barche e moto d’acqua che sfrecciano a gran velocità fanno strage di lamantini. Come spesso accade, l’uomo invade il loro habitat senza considerare i danni irreparabili provocati dalla sua superficialità. E le conseguenze sono ormai sotto gli occhi di tutti.

A cura di GreenMe.it