I laghi sempre più poveri di ossigeno, a rischio la biodiversità

A causa del riscaldamento globale a rischio anche la qualità dell'acqua potabile

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

Le acque dei laghi stanno perdendo ossigeno, e molto più velocemente degli oceani: un fenomeno che sta avvenendo in tutto il mondo a causa del riscaldamento globale e che mette a rischio sia la biodiversità sia la qualità dell'acqua potabile. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Nature dall'americano Rensselaer Polytechnic Institute di Troy. Coordinata da Kevin Rose e Stephen F. Jane, la ricerca ha analizzando i laghi nelle zone temperate, rilevando un calo del 5,5% dei livelli di ossigeno in superficie e del 18,6% nelle acque profonde dal 1980. In un vasto sottogruppo dei laghi inquinati da nutrienti, i livelli di ossigeno superficiale sono aumentati quando le temperature dell'acqua superavano la soglia che favoriva i cianobatteri, che possono creare tossine quando fioriscono sotto forma di alghe dannose.

"Tutto il complesso della vita dipende dall'ossigeno. Quando si inizia a perderlo, si ha un impoverimento potenziale di specie. I laghi stanno perdendo ossigeno 2,75-9,3 volte più in fretta degli oceani. Un calo che può avere un impatto sull'ecosistema", prosegue Rose. I ricercatori hanno analizzato oltre 45.000 profili di ossigeno dissolto e temperature dal 1941 su 400 laghi nel mondo. Anche se i laghi rappresentano solo il 3% della superficie terrestre, contengono un'enorme concentrazione di biodiversità .

"I laghi sono delle sentinelle del cambiamento ambientale e di potenziali minacce, perché rispondono ai segnali atmosferici e dell'ambiente circostante. Se questa loro maggiore biodiversità sta cambiando così rapidamente, vuol dire che i cambiamenti atmosferici hanno già influito sugli ecosistemi", aggiunge Jane. Le concentrazioni di ossigeno sono importanti anche per la qualità dell'acqua: quando calano, aumentano i batteri capaci di vivere senza ossigeno e che producono gas serra. I laghi quindi starebbero rilasciando una maggiore quantità di metano nell'atmosfera.