Tiscali.it
SEGUICI

La scelta di Greta: “E’ ora di passare il megafono alle persone più colpite”. Chi sono i suoi eredi

"Dovremmo anche ascoltare i resoconti e le esperienze delle persone vittime dirette della crisi climatica. È ora di consegnare il megafono a coloro che hanno davvero storie da raccontare". Ecco chi sono i suoi eredi

TiscaliNews   

A 19 anni Greta Thunberg, la ragazza svedese che ha mobilitato tanti giovani in ogni parte del mondo per salvare il pianeta dai disastri climatici in atto, annuncia di voler fare un passo indietro. “E’ giunto il momento di passare il megafono alle persone più colpite”, ha spiegato l’attivista svedese che non è voluta andare al Cop27

Quattro anni dopo aver lanciato il suo Sciopero scolastico per il clima, l'attivista svedese è pronta dunque a passare il testimone a coloro che sono in prima linea nel cambiamento climatico, ha affermato in un'intervista. "Dovremmo anche ascoltare i resoconti e le esperienze delle persone più colpite dalla crisi climatica. È ora di consegnare il megafono a coloro che hanno davvero storie da raccontare", ha detto all'agenzia di stampa svedese TT. Dopo aver esortato il pubblico negli ultimi anni ad ascoltare la scienza, Greta ha affermato che il mondo ora ha bisogno di "nuove prospettive".

“I potenti fanno green washing”

Come reso noto in precedenza la giovane divenuta simbolo della lotta per l’ambiente non è presente alla Cop 27 di Sharm el-Sheikh. L'attivista lo aveva annunciato nelle scorse settimane, accusando la conferenza dell'Onu per il clima di essere solo un'occasione per i potenti di fare green washing e il governo egiziano di violare i diritti umani. Lo spazio per gli attivisti è poi così limitato e ristretto che è importante lasciare spazio a chi ha bisogno di essere lì, aveva aggiunto alla presentazione del libro The climate book. Adesso in una nuova intervista si spinge oltre e all'agenzia svedese TT annuncia quello che suona come un passo indietro: "È ora di consegnare il megafono a coloro che hanno davvero storie da raccontare".

Greta Thunberg (Ansa)

Leah: “A 14 anni ho visto morire tante persone”

Sono storie come quella della attivista ugandese 18enne Leah Namugerwa, che sale sul palco della Cop di quest'anno e racconta: "A 14 anni ho visto le frane uccidere così tante persone per le condizioni meteorologiche avverse! Queste immagini mi hanno disturbato e non possono permettermi di riposare fino a quando non sarà fatto qualcosa per il cambiamento climatico".

“Passare il megafono”

Sono le storie che fanno dire a Greta, a quattro anni dal suo primo sciopero per il clima, che "diventa ancora più ipocrita quando le persone in Svezia, ad esempio, dicono che abbiamo tempo per adattarci e non dobbiamo temere ciò che accadrà in futuro" di fronte ai milioni di persone che stanno già vivendo le conseguenze devastanti della crisi climatica. Ecco quindi la scelta di passare il megafono ai rappresentanti delle comunità più vulnerabili.

Vanessa Nakate ambasciatrice Unicef

A soli 19 anni Thunberg ha già degli eredi che da lei hanno tratto coraggio e ispirazione. Il primo nome che viene in mente è l'ambientalista 25enne, Vanessa Nakate, anche lei dall'Uganda.

È diventata famosa nel 2020, quando la sua immagine è stata tagliata, da un'agenzia di stampa, in una foto in cui posava - unica ragazza dalla pelle nera - con Greta e altre leader del movimento Fridays for future al forum di Davos. Ora è al centro della scena, anche come ambasciatrice dell'Unicef.

E tanti altri

Altri attivisti africani pronti a farsi sentire in Egitto sono Eric Njuguna, che rivendica come il finanziamento delle perdite e dei danni per il clima non sia "una questione controversa, ma un prerequisito per la giustizia climatica" ed Elizabeth Wathuti già intervenuta alla Cop 26 di Glasgow, dov'era andata anche Greta. C'è poi Sanaa Seif, la sorella del detenuto politico in sciopero della fame e della sete Alaa Abdel Fattah, che sarà presente a Sharm per portare la voce del fratello e dei 60 mila attivisti, anche ambientali, in carcere in Egitto, secondo diverse ong.

Greta: arrendersi però è escluso

Quanto a Greta, lei frequenta l'ultimo anno di liceo a Stoccolma e dice di non aver ancora deciso cosa fare dopo il diploma, di voler studiare (magari qualcosa legato ai problemi sociali) e di escludere di fare politica. Dopo aver passato l'adolescenza a correre tra un incontro e una protesta, ora il piano è quello affrontare un giorno dopo l'altro e tornare a dormire, ha detto in una recente intervista. Ma arrendersi, nonostante la sfiducia nei governanti, è escluso. "Non abbiamo intenzione di andare da nessuna parte. I giovani di tutto il mondo - ha scritto su Twitter - si stanno facendo avanti, dimostrando che i nostri leader hanno incasinato la generazione sbagliata".

C’è da augurarsi che la lotta per intervenire a favore del clima sia sempre più pressante. Il tempo che rimane è davvero poco. Anzi, molti dicono sia già troppo tardi. Non per nulla, alla Cop27 di Sharm el-Sheikh, conferenza annuale dell'Onu sul clima, nella giornata dei leader mondiali, giunti per la due giorni del summit dei capi di stato e di governo, il segretario generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha lanciato un drammatico monito: o siamo solidali sul clima, o sarà un suicidio collettivo.

TiscaliNews   

I più recenti

Cina, il clima nello Xinjiang scende improvvisamente di 45°C: gli uccelli muoiono congelati
Cina, il clima nello Xinjiang scende improvvisamente di 45°C: gli uccelli muoiono congelati
I cambiamenti climatici mettono a rischio 1 azienda su 4. Quali sono le più esposte e dove si trovano
I cambiamenti climatici mettono a rischio 1 azienda su 4. Quali sono le più esposte e dove si trovano
Perché i resi gratuiti online stanno danneggiando gravemente l'ambiente
Perché i resi gratuiti online stanno danneggiando gravemente l'ambiente
Allarme farmaci nelle acque: una sfida per la salute e l’ambiente. Ma quali sono i più inquinanti?
Allarme farmaci nelle acque: una sfida per la salute e l’ambiente. Ma quali sono i più inquinanti?

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...