Tiscali.it
SEGUICI

Cambiamenti climatici, il ghiaccio marino se ne accorge: cosa si vede dall'analisi di sali e sedimenti marini 

Lo studio con Cnr e Università Ca' Foscari Venezia dimostra l'evoluzione della copertura di ghiaccio marino nella regione sub-polare compresa tra la Baia di Baffin e il Mare del Labrador.

TiscaliNews   
Le testimonianze del ghiaccio (Ansa)
Le testimonianze del ghiaccio (Ansa)

Il ghiaccio marino risponde subito ai cambiamenti climatici: lo dimostra l'evoluzione della copertura di ghiaccio marino nella regione sub-polare compresa tra la Baia di Baffin e il Mare del Labrador, ricostruita ad alta risoluzione temporale prendendo in esame una serie di oscillazioni repentine del clima avvenute tra 36 e 44 mila anni fa.

Lo studio

Lo studio è pubblicato sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze (Pnas) dall'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) e dall'Istituto di scienze polari (Isp) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), in collaborazione con l'Università Ca' Foscari Venezia, l'Università di Padova e diversi istituti internazionali (Awi, Cic, Csic, Psi). "Il lavoro combina due record di ghiaccio marino: il primo ottenuto tramite l'analisi dei sali marini (bromo e sodio) presenti in una carota glaciale estratta in Groenlandia nord-occidentale; il secondo basato sull'associazione di bio-marcatori presenti in una carota di sedimento marino prelevata nel Mare di Labrador", spiega Federico Scoto del Cnr-Isac, che ha guidato lo studio.

Nel giro di un decennio

"I risultati mostrano come, fra le regioni sub-polari della Baia di Baffin e del Mare di Labrador, il tempo di reazione del ghiaccio marino, in seguito a un brusco aumento delle temperature in Groenlandia, sia quasi sincrono, istantaneo o avvenga nel giro di una decade, passando da una spessa copertura pluriennale persistente a condizioni di mare aperto e ghiaccio stagionale", aggiunge Scoto.

TiscaliNews   

I più recenti

È la Giornata internazionale dell’orso polare, il gigante dell’Artico che rischia l’estinzione per la crisi climatica
È la Giornata internazionale dell’orso polare, il gigante dell’Artico che rischia l’estinzione per la crisi climatica
Inquinamento nella Pianura Padana, l'animazione dell'Agenzia spaziale europea (Esa)
Inquinamento nella Pianura Padana, l'animazione dell'Agenzia spaziale europea (Esa)

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...