Torna l’anno della tigre e rinasce la speranza: ecco di quanto è cresciuto il numero di esemplari in 12 anni

Dal 2010, stando al Wwf, la situazione è migliorata. Resta però il pericolo estinzione. Oggi questo splendido felino sarebbe arrivato a contare 5500 esemplari. Ma all’inizio del secolo scorso se ne contavano 100mila

TiscaliNews

La magnifica tigre, lo splendido animale protagonista di tanti film e documentari, si ripiazza al centro dell’attenzione. E non solo perché dopo dodici anni torna l’anno della tigre nel calendario cinese e il 29 di settembre si celebra la Giornata mondiale dedicata al più grande felino del Pianeta. E’ importante soprattutto il fatto che la popolazione di questo incredibile animale, per il quale si era accesa a ripetizione la spia rossa del pericolo estinzione, è cresciuta del 20 per cento negli ultimi 12 anni. Il pericolo per la sopravvivenza delle tigri non è certo cessato, ma indubbiamente questo risultato è un buon successo per la conservazione della specie. In Nepal, per esempio, - scrive il Wwf - il numero delle tigri è raddoppiato giungendo a 355 individui.

La tigre, regina della jungla (Ansa)

Sono arrivate a 5.500 esemplari

Attualmente le tigri sarebbero arrivate a circa 5.500, un bel segnale, anche se erano 100mila gli esemplari censiti all’inizio del secolo scorso. La situazione, insomma, è sempre preoccupante. Tuttavia nell’ultimo decennio si è marcata una svolta. Con la nascita della Global Tiger Iniziative e il primo Tiger Summit si è avviata la crescita del numero di esemplari. Nel 2010 le regine delle jungle erano arrivate a 3.200 circa. La distruzione delle foreste e il bracconaggio avevano eliminato circa il 95% dell'habitat storico e ridotto del 97% le popolazioni naturali del felino.

In India la popolazione più numerosa

In India oggi vive la popolazione più numerosa, con 2.226 tigri censite. Tra Cina e Russia si contano circa 450 esemplari di tigre dell'Amur, una sottospecie unica ormai a forte rischio di estinzione, mentre in Indonesia sopravvivono solo circa 400 tigri di Sumatra.

L'importanza delle comunità locali

Il Wwf è convinto che la conservazione della tigre sarà garantita solo lavorando anche con le comunità locali e sottolinea come le nuove politiche per favorire la coesistenza diventeranno inefficaci se non terranno conto del rapido cambiamento che si sta verificando nell'area della tigre in Asia a partire dalla crescita demografica ed economica e dal cambiamento climatico. Un momento cruciale per ridefinire un piano di conservazione per questa specie sarà il secondo Global Tiger Summit del 5 settembre 2022 a Vladivostock, in Russia.