Tiscali.it
SEGUICI

Oceani potrebbero non esser più in grado di sostenere la vita dell’uomo: specie di pesci commestibili in diminuzione

I cambiamenti climatici mettono a rischio gli equilibri marini. L’uomo potrebbe presto assistere a cambiamenti inaspettati. Uno studio combinato dell'Università di Rutgers e dell'Università della Columbia Britannica

TiscaliNews   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

I cambiamenti climatici potrebbero alterare gli ecosistemi marini in modi inaspettati, tanto da modificare le interazioni tra prede e predatori oceanici, costretti a individuare nuove aree abitative. Questo, almeno, è quanto emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, condotto dagli scienziati dell'Università di Rutgers e dell'Università della Columbia Britannica. Il riscaldamento delle acque, spiegano gli autori, potrebbe ridurre la disponibilità di specie ittiche da catturare. Le specie di grandi dimensioni potrebbero quindi sperimentare delle difficoltà nelle attività di foraggiamento. Allo stesso tempo, prospettano gli scienziati, i pescherecci potrebbero doversi spingere in zone mai battute e in aree geografiche nuove per soddisfare le richieste e le domande di prodotti ittici.

"Il nostro lavoro - osserva Malin Pinsky, dell'Università di Rutgers - suggerisce che il numero di esemplari potrebbe risultare significativamente inferiore nei prossimi anni. Il riscaldamento ambientale e le dinamiche della rete alimentare potrebbero compromettere in modo profondo la biodiversità marina". A differenza di molti studi precedenti, orientati a valutare gli impatti diretti dei cambiamenti climatici sulle singole specie, il team ha esaminato le interazioni trofiche che riguardano il processo di nutrimento di una specie a scapito di altre. In questo modo, precisano gli esperti, è possibile valutare il modo in cui il cambiamento climatico influenza gli areali e gli habitat in senso più ampio.

Grazie a una serie di modelli computerizzati, gli studiosi hanno determinato che le interazioni predatore-preda portano allo spostamento degli areali in modo più lento rispetto alle variazioni dovute alle differenze nella temperatura dell'acqua. "Il modello - afferma EW Tekwa, dell'Università della Columbia Britannica - suggerisce che nei prossimi 200 anni le specie si rimescoleranno continuamente e saranno in procinto di spostare i loro areali. Tra due secoli, gli animali marini resteranno indietro rispetto agli sbalzi di temperatura. Si tratta di dinamiche che si verificheranno a livello globale. Non è una buona notizia per la vita marina".

TiscaliNews   

I più recenti

Crop della copertina di Science Advances - Foto Genevieve Campbell
Crop della copertina di Science Advances - Foto Genevieve Campbell

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...