Scimmie schiavizzate dall’industria del cocco: costrette a raccogliere il frutto in campi sudici

I primati costretti in gabbia e poi incatenati durante le giornate lavorative. L’indagine della Peta, raccontata da Peter Egan, mostra scimmie sofferenti

TiscaliNews

La prima indagine sotto copertura di PETA Asia sull'utilizzo delle scimmie nell'industria del cocco in Tailandia, raccontata dalla star di Downton Abbey Peter Egan, rivela che le scimmie giravano in tondo in corte catene, venivano confinate in gabbie sovraffollate sotto la pioggia, ed erano costrette ad arrampicarsi sugli alberi e raccogliere noci di cocco per produrre latte di cocco venduto dai principali marchi tra cui Chaokoh e Aroy-D. Dopo l'investigazione di PETA Asia, più di 15,000 negozi non acquisteranno più prodotti di questi marchi, e la maggioranza non comprerà più alcun prodotto di cocco proveniente dal lavoro delle scimmie in Tailandia.

Nel Regno Unito, Morrisons ha interrotto la sua fornitura di Chaokoh, in attesa di indagine e Ocado, Waitrose e Co-op hanno preso l'impegno di non vendere mai intenzionalmente alcun prodotto ottenuto dal lavoro delle scimmie. Walgreens Boots Alliance (operatore di Boots) ha promesso di non acquistare prodotti di Aroy-D e Chaokoh, e non vende consapevolmente prodotti di cibo e bevande a base di cocco provenienti dalla Tailandia sotto il proprio marchio in alcuno dei loro punti vendita in Tailandia, Gran Bretagna e gli Stati Uniti.

Ora, PETA sta sollecitando i maggiori rivenditori Tesco, Asda, e Sainsbury's a fare lo stesso. Aziende internazionali incluse Bed Bath and Beyond's Cost Plus World Market hanno interrotto l'acquisto di prodotti di cocco della Chaokoh. Ahold Delhaize e I suoi marchi, inclusi Giant Food, Food Lion, Stop and Shop e Hannaford gli USA, cosi come Albert Heijn in Olanda, hanno anch'essi preso l’impegno a interrompere la fornitura e vendita intenzionali di qualsiasi prodotto ottenuto da fornitori che utilizzano il lavoro delle scimmie.

Nel luglio 2019, testimoni oculari di PETA Asia in Tailandia hanno visitato quattro "scuole per scimmie", otto allevamenti, e un concorso di raccolta di cocco, in cui le scimmie – secondo quanto riferito, catturate illegalmente da cucciole – venivano costrette a raccogliere noci di cocco per l'esportazione in tutto il mondo. Gli animali nelle strutture mostravano il comportamento stereotipico indicatore di stress estremo. Le scimmie erano incatenate a vecchi pneumatici o confinate in gabbie appena più grandi di loro. Una scimmia in una gabbia sul pavimento di un camion scuoteva la sua gabbia ripetutamente nel disperato e inutile tentativo di scappare, e una scimmia legata con una fune gridava, mentre tentava freneticamente di scappare dal suo addestratore. Un investigatore ha scoperto che quando le scimmie tentavano di difendersi, i loro canini venivano rimossi.

"Questi animali curiosi e intelligenti vengono privati di stimoli mentali, compagnia, libertà e tutto ciò che renderebbe la loro vita degna di essere vissuta, tutto questo solo per essere utilizzati per raccogliere noci di cocco," dice la Direttrice di PETA Elisa Allen. "PETA esorta le persone oneste a non supportare mai l'utilizzo del lavoro delle scimmie, rifiutando prodotti a base di cocco provenienti dalla Tailandia". La PETA si oppone allo specismo, una visione del mondo basata sulla supremazia umana.