Tiscali.it
SEGUICI

Con la guerra in Ucraina a rischio anche la raccolta dei rifiuti in Italia

L’appello al Governo delle associazioni di settore: “Situazione al limite”. Possibili stop già nelle prossime settimane

di GreenReport.it   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Senza urgenti misure da parte del Governo, nelle prossime settimane «alcuni servizi di raccolta e trattamento rifiuti potrebbero essere a rischio». È questo l’allarme contenuto nella lettera inviata da Alleanza cooperative italiane servizi, Assoambiente, Confindustria Cisambiente e Utilitalia al premier Mario Draghi e ai ministri Franco, Cingolani  e Giorgetti oltre che al presidente Arera, Stefano Besseghini.

Il caro energia e i rialzi delle materie prime stanno investendo in maniera significativa anche le imprese del settore della gestione rifiuti, che si trovano oggi in «situazioni al limite della sostenibilità economica». Oltre un mese fa, alcune associazioni d’impresa attive nel comparto del riciclo (Assorimap e Unirima) avevano già lanciato un simile allarme, ma nel frattempo le bollette energetiche hanno continuato a salire, finendo per trascinare le difficoltà fino ai servizi d’igiene urbana.

Una situazione al limite della sostenibilità per imprese tenute al rispetto degli impegni precedentemente assunti nei contratti pubblici e privati che regolano il settore, con il rischio che venga compromesso il proseguimento delle attività di gestione non solo nella raccolta (dove il carburante può arrivare a incidere fino al 15% del costo), ma in tutte le fasi del ciclo integrato. Le imprese del settore hanno quindi auspicato un deciso intervento del Governo a tutela anche di questo comparto, che in un modo o nell’altro finirebbe comunque per gravare sulle casse pubbliche nel breve periodo. A lungo termine, le soluzioni sostenibili – ambientalmente ed economicamente – restano sempre le stesse: più energie rinnovabili, anche a partire da rifiuti.

Nel nostro Paese il contributo del biometano ai consumi di gas - che ammontano a circa 70 miliardi di metri cubi l’anno - è circa 0,7 miliardi di metri cubi, meno dell’1%. Il Pnrr stanzia quasi 2 miliardi di euro per lo sviluppo della produzione di biometano, con l’obiettivo di portare la quota di biometano a 10 miliardi di metri cubi nel 2030, assai più di quanto otterremmo raddoppiando l’attuale estrazione di gas naturale in Italia. Il più importante giacimento nazionale, oggi, sono le miniere urbane: potremmo ottenere almeno 8 miliardi di metri cubi di biometano da matrici agricole, e il resto da rifiuti organici (Forsu).

A cura di GreenReport.it

di GreenReport.it   

I più recenti

Distruggono rocce di 140 milioni di anni, un video però li incastra: se la stupidità si unisce al vandalismo
Distruggono rocce di 140 milioni di anni, un video però li incastra: se la stupidità si unisce al vandalismo
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...