Tiscali.it
SEGUICI

Nel Mediterraneo formazione da record di coralli. Ma c’è anche una brutta notizia: si riduce la “foresta” della Posidonia oceanica

Preoccupa la fotografia offerta dall'Ispra nel monitoraggio del Sistema nazionale per la protezione dell'Ambiente

TiscaliNews   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Formazioni di coralli da "record", meno rifiuti, molte specie aliene e una riduzione preoccupante della posidonia: il 'paziente' è stabile, ma cerca di riprendere forza e vigore. È la fotografia del Mediterraneo offerta dall'Ispra nel monitoraggio del Sistema nazionale per la protezione dell'Ambiente in un convegno a Palermo. Sono state censite formazioni coralligene in otto regioni italiane e 160 siti oggetto di studio: Eunicella, Pentapora e Paramuricea, sono i nomi scientifici (generi) delle principali specie target osservate nei fondali. In nove regioni sono presenti anche "letti a rodoliti": si tratta di piccole alghe calcaree simili nella forma ai popcorn, rinvenute in 37 aree di monitoraggio.

Il quadro è "meno incoraggiante", è emerso dalla giornata di studio, per la Posidonia oceanica, la 'foresta amazzonica' del mare. Il monitoraggio delle praterie ha evidenziato "segnali di disturbo: il 25% dei siti monitorati presenta infatti una bassa densità di fasci al metro quadrato". Nelle circa 100 aree indagate, tuttavia, ciascuna della grandezza di 3 chilometri quadrati, la densità è di tipo "normale" nel 63% dei casi ed "eccezionale" nell'11%. La Posidonia è una pianta endemica del Mediterraneo monitorata in tutte le regioni tirreniche, ioniche e in basso Adriatico (Puglia).

Tra gli 11 'descrittori" indicati dalla direttiva europea sulla Strategia marina, vi sono i rifiuti marini. C'è una riduzione significativa pari a quasi la metà dei rifiuti spiaggiati, ovvero i rifiuti presenti sugli arenili ogni 100 metri. Il dato è sotto osservazione, ma comunque ancora lontano dall'obiettivo europeo: dai 460 del 2015 sono 273 nel 2021, mentre l'Europa pone come target non oltre 20 per un buono stato ambientale. Quanto ai rifiuti in acqua, nel periodo 2018-2022 si registra una densità costiera media di 105 oggetti per chilometro quadrato e una densità media offshore di 3 oggetti. Più dell'80% degli oggetti monitorati è composto da polimeri artificiali, di cui circa il 20% sono plastica monouso.

Quanto alle specie aliene, altro parametro per verificare la salute del nostro mare, il granchio blu è solo uno degli ultimi casi: in base ai dati presenti in letteratura sono 289 le specie non indigene - introdotte, tramite attività umane, in un'area geografica che è al di fuori del suo naturale areale di distribuzione - presenti nell'acqua. Le attività di monitoraggio condotte dall'Arpa soprattutto nelle aree portuali, dove è maggiore il rischio di introduzione, hanno rilevato 78 specie, tra cui 25 anellidi 18 crostacei e 11 molluschi. Di queste 20 sono esclusive del Mar Adriatico, 9 del Mar Ionio e 17 del Mar Tirreno, mentre 11 specie sono comuni ai tre mari italiani. Alcune di queste specie, considerate invasive, sono state rinvenute per la prima volta nell'area di interesse.

I passi in avanti si registrano nel fenomeno dell'eutrofizzazione in mare, il processo che innesca fenomeni di fioriture di alghe e riduzione di ossigeno per un eccesso di nutrienti (composti di azoto e fosforo) che arrivano da terra. Le misure prese negli ultimi 40 anni - spiegano i ricercatori - come la diminuzione del fosforo nei detergenti, i migliori impianti di depurazione e fognari, la riduzione nell'uso dei fertilizzanti hanno portato ad una significativa riduzione del fenomeno.

"Quella che presentiamo è solo una piccola parte del lavoro che tutto il Sistema, in collaborazione con gli enti di Ricerca e le università italiane, sta portando avanti per fornire elementi utili ad una Strategia per il mare che sia efficace e coerente con gli obiettivi che ci derivano dagli obblighi europei e internazionali", ha spiegato Maria Siclari Direttore generale dell'Ispra intervenendo al convegno. "La Sicilia ha un'estensione costiera di ben 1.637 Km e la salvaguardia dei mari è per noi un tema di primaria importanza", ha sottolineato Vincenzo Infantino, direttore generale di Arpa Sicilia intervenendo al convegno. "L'ambiente marino - ha proseguito - è un patrimonio prezioso che deve essere protetto, salvaguardato e ripristinato al fine ultimo di mantenere la biodiversità e preservare la vitalità dei mari".

TiscaliNews   
I più recenti
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Bambini che protestano contro i cambiamenti climatici. foto Ansa
Ucraina, la guerra ha prodotto CO2 come 90 milioni di auto in un anno. Un conto che spaventa non...
Ucraina, la guerra ha prodotto CO2 come 90 milioni di auto in un anno. Un conto che spaventa non...
Bimbi con problemi di socialità e ansia. Foto Pixabay
Bimbi con problemi di socialità e ansia. Foto Pixabay
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...