Tiscali.it
SEGUICI

Dai trasporti ecologici all'uso della canapa: Emilia-Romagna in prima linea sulla sostenibilità ambientale

La regione settentrionale si sta imponendo come punto di riferimento. In primo piano l'ecosostenibilità e la responsabilità sociale delle imprese, ma spazio anche a progetti rivolti all'energia rinnovabile e alla mobilità sostenibile

di Contenuto sponsorizzato   
Emilia Romagna e sostenibilità
Emilia Romagna e sostenibilità

L'Emilia-Romagna, una regione che si distingue nel panorama nazionale per la sua alta qualità della vita e per l'eccellenza del servizio sanitario, si sta progressivamente affermando anche come punto di riferimento per la sostenibilità ambientale. La regione non solo si impegna in una serie di iniziative volte a migliorare l'ecosostenibilità e la responsabilità sociale delle imprese, ma fa anche da pioniere in progetti rivolti all'energia rinnovabile e alla mobilità sostenibile.

Le iniziative

Le iniziative più significative? Scopriamole insieme! L'Unione dei Comuni Valli e Delizie ha intrapreso un'ambiziosa iniziativa: il Progetto Ecolab 2. Si tratta di uno studio che mira alla valorizzazione di scarti dell’agroalimentare, trasformandoli in materie prime intermedie per settori ad alto valore aggiunto come quello cosmetico e farmaceutico. Un progetto davvero all'avanguardia nel campo dell'economia circolare, che offre un vantaggio duplice: da un lato, ridurre l'impatto ambientale diminuendo la quantità di rifiuti, dall'altro creare nuove opportunità economiche per le aziende locali che possono beneficiare di risorse rinnovabili a basso costo.

Anche i Comuni di Cervia e di Cento si sono distinti nel contesto dell'innovazione sostenibile. In questo caso l’impegno si è concentrato sulla creazione di comunità energetiche rinnovabili (CER). Entrambi hanno sviluppato un modello replicabile di collaborazione tra il settore pubblico e quello privato per stabilire comunità energetiche che sfruttano le energie rinnovabili, adattando l'approccio in base al contesto locale specifico.

Il settore moda 

Nel settore della moda, noto per il suo impatto ambientale significativo, il distretto tessile di Carpi in Emilia-Romagna sta facendo passi da gigante verso una maggiore sostenibilità. Un esempio lampante di questo impegno è l'istituzione di un laboratorio di ricerca industriale focalizzato sul trattamento della canapa, finanziato dalla Regione (con un investimento di quasi 500.000 euro) e sviluppato con la collaborazione del Cluster Create e del Carpi Fashion System.

I progetti per l'utilizzo della canapa nel tessile

Questo laboratorio rappresenta un'innovazione significativa nel campo tessile, essendo uno dei primi a concentrarsi specificamente sull'utilizzo della canapa: una fibra naturale, rinnovabile e a basso impatto ambientale. L'obiettivo principale è esplorare nuove tecniche e processi che possano ridurre l'uso di sostanze chimiche nocive e diminuire il consumo di acqua e energia durante la produzione.

VIVACE

Un'altra iniziativa di spicco nell’ambito della sostenibilità viene dalla collaborazione tra l'Università di Bologna e Turtle Srl, con il sostegno di Golden Group Spa. Questa partnership ha dato vita a ViVACE, un software rivoluzionario progettato per quantificare e gestire l'impatto ambientale, sociale ed economico delle aziende.

ViVACE si distingue come uno strumento di analisi gestionale che offre una rappresentazione chiara e intuitiva dei processi aziendali, identificando opportunità per ottimizzare le operazioni in una prospettiva di sostenibilità. Sviluppato con un approccio quantitativo e basato sull'analisi dei dati, permette alle aziende di valutare i flussi di risorse e di comprendere meglio gli scenari di business futuri.

Spazio alla mobilità sostenibile

Trasporti ecologici

Restando in tema di istituzioni scolastiche, gli istituti superiori di Bologna hanno partecipato con successo al progetto Mob (Movimento in rivoluzione) di Fondazione Unipolis. Focalizzata sulla mobilità sostenibile, l'iniziativa Mob ha incoraggiato gli studenti a partecipare a una competizione virtuale tramite l'app Muv Game. Spingendo i partecipanti a pensare e agire in modi che favoriscano l'uso di trasporti ecologici come biciclette e mezzi pubblici.

Il culmine del progetto si è verificato nella seconda fase, dove ventitré giovani hanno avuto l'opportunità di lavorare a stretto contatto con degli esperti per sviluppare proposte innovative. Le idee emerse includono soluzioni come bicibus, nuove forme di sharing di veicoli, l'uso di idrogeno bianco e l'impiego di onde elettromagnetiche come fonti di energia alternativa.

di Contenuto sponsorizzato   

I più recenti

Tg Ambiente - 19/5/2024
Tg Ambiente - 19/5/2024
Varato il primo Superyacht con fuel cell a metanolo verde
Varato il primo Superyacht con fuel cell a metanolo verde
Maltempo e allagamenti in Veneto: una mamma in mezzo all’acqua col suo bambino
Maltempo e allagamenti in Veneto: una mamma in mezzo all’acqua col suo bambino
Voci sul futuro, per IA serve consapevolezza e regole
Voci sul futuro, per IA serve consapevolezza e regole

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...