Tiscali.it
SEGUICI

Sensori termici e tantissima elettronica, ecco l’alveare robotico per tenere le api al caldo

Il dispositivo può anche mappare l'attività della colonia, monitorare le temperature ambientali e raccogliere dati termici

TiscaliNews   
Loading...
Codice da incorporare:

Sviluppare un ambiente protetto e ingegnerizzato in grado di preservare la salute delle api mellifere che rischiano di sperimentare il coma freddo. A questo obiettivo è stato orientato uno studio, pubblicato sulla rivista Science Robotics, condotto dagli scienziati dell'Ecole Polytechnique Federale de Lausanne e della Scuola Superiore Sant'Anna. Il team, guidato da Rafael Barmak e Donato Romano, ha realizzato un alveare robotico per mantenere gli insetti in salute. Il sistema, riportano gli esperti, potrebbe favorire l'analisi delle differenze nei modelli termici tra le colonie di api sane e quelle più deboli. "Questa applicazione - osserva Barmak - potrebbe ampliare la nostra conoscenza dei comportamenti collettivi di questi importantissimi impollinatori, che svolgono un ruolo chiave per la salvaguardia degli ecosistemi, dell'agricoltura e della nostra alimentazione".

Foto Shutterstock

Cambiamenti climatici minacciano le api

I cambiamenti climatici possono compromettere la salute delle api in molti modi diversi. In alcuni casi, gli insetti possono sperimentare particolari condizioni di freddo, nelle quali adottano uno stato di coma freddo, interrompendo i movimenti e la generazione di calore. Le colonie più stressate, ad esempio a causa della presenza di parassiti o agenti patogeni, possono mostrare atteggiamenti di come freddo irreversibili, e, quindi, fatali.

La soluzione salva api

I ricercatori hanno ideato un sistema robotico per riscaldare le api e prevenire il collasso degli alveari. Composto da sensori termici, componenti di riscaldamento e un pannello di controllo, questo approccio può anche mappare l'attività della colonia, monitorare le temperature ambientali e raccogliere dati termici. Il design è integrabile con molti tipi di alveari, compresi gli alveari comunemente usati negli apiari commerciali.

Nel corso degli esperimenti, gli studiosi hanno valutato l'efficacia del dispositivo durante l'inverno. La regina è deceduta durante il periodo compreso tra l'avvio dello stato di conservazione e l'attivazione del dispositivo, ma la colonia è sopravvissuta per altri due mesi. "La possibilità di intervenire sui danni legati alla temperatura che possono compromettere la salute delle api - conclude Romano - rende questo sistema robotico potenzialmente in grado di proteggere e rianimare la colonia, aumentando la capacità degli impollinatori di sviluppare una resilienza particolare in caso di temperature sempre più impegnative a causa del cambiamento climatico".

TiscaliNews   

I più recenti

Salvini, 'ottenuta la neutralità tecnologica nel G7'
Salvini, 'ottenuta la neutralità tecnologica nel G7'
Madre Terra - Cerimonia di premiazione concorso Obiettivo Terra 2024
Madre Terra - Cerimonia di premiazione concorso Obiettivo Terra 2024
Nel Parco di San Rossore 80 nidi di airone cenerino
Nel Parco di San Rossore 80 nidi di airone cenerino

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...