Scorci di Gallura, l'affascinante viaggio della travel blogger Veronica Crocitti

Scorci di Gallura, l'affascinante viaggio della travel blogger Veronica Crocitti

La travel blogger Veronica Crocitti dal 13 al 20 settembre è stata in Sardegna per un nuovo progetto di promozione del territorio. Scorci di Gallura vuole essere un grande diario di viaggio alla scoperta della natura e della cultura di questa regione incredibile. La Gallura è del resto il posto perfetto per i narratori della rete. Basti pensare ai colori, alle carezze del vento di prima mattina, e alle ondulazioni che partono dai colli e finiscono in mare. E sono solo alcune delle qualità che questa terra sa offrire. Ma a volte le parole scritte non riescono a riportare per intero un’emozione. La lettura ha il grande pregio di lasciare spazio all’immaginazione del lettore, ma quando si tratta di articoli di approfondimento, saper bilanciare la forza delle immagini con le parole è d’obbligo per avere uno sguardo completo del mondo che ci circonda. Da questo punto di vista, con i suoi reportage Veronica Crocitti ha dimostrato di saper usare entrambi i mezzi, grazie ad articoli dettagliati e immagini suggestive e ricche di particolari. Tutto questo ha portato a una crescita del suo blog Scorci di mondo, portandola a scoprire alcune delle mete più interessanti a livello europeo e globale.

Scorci di Gallura, alla scoperta del luogo del vento

Atterrata all’aeroporto di Olbia Costa Smeralda, la travel blogger ne ha sin da subito accolto il calore e la bellezza. Ma Scorci di Gallura non si limita solo a osservare il territorio. Entra direttamente in campo, sostenendolo attraverso una promozione che guidi il turista in ogni singola tappa. Il viaggio ha toccato diverse aree. Come Golfo Aranci, dove proprio in questi giorni il semaforo marittimo di Capo Figari è entrato a far parte del #cammino100torri, considerato il percorso di trekking più lungo d’Italia. Grande spazio è stato rivolto all’Arcipelago de La Maddalena, dove spicca in tutta la sua bellezza l’isola di Caprera, capace di stupire il condottiero Giuseppe Garibaldi. L’isola fa inoltre parte del Parco nazionale, un’area che colpisce per la sua commistione di colori e per un habitat che coinvolge innumerevoli specie marine e vegetali.

Veronica Crocitti ha poi scoperto la zona di Cannigione, un borgo che si contraddistingue per la sua spiaggia incantevole, frequentata da turisti italiani e stranieri. Tra le altre mete, a spiccare sono state infine Santa Teresa di Gallura e Palau, visitabile usando il comodo trenino verde della Sardegna. Per chi desidera una vacanza completa, passando dall’entroterra alla Costa Smeralda. E Porto Cervo non poteva mancare, come può vedere nel suo reportage fotografico. In un periodo dove la sicurezza è centrale, anche la giornalista ha voluto dare un segnale forte in occasione del suo arrivo in Sardegna. Per questa nuova avventura, oltre ad aver preso tutte le precauzioni necessarie rispettando le regole anti-Covid, si è voluto dare un messaggio di sostegno del patrimonio e del turismo nazionale, tornando al vecchio concetto di turismo di prossimità. A dimostrazione che una vacanza responsabile e sostenibile è davvero possibile.