Tiscali.it
SEGUICI

In Gallura le magiche suggestioni del festival "Isole che parlano"

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
In Gallura le magiche suggestioni del festival 'Isole che parlano'

Il festival non si ferma. E il programma è come sempre di alto livello. Nonostante le incertezze e i limiti imposti dall’emergenza sanitaria internazionale, i promotori hanno deciso di organizzare anche quest’anno il famoso festival Isole che parlano, giunto ormai alla 24esima edizione. Organizzato dall’associazione Sarditudine, e diretto da Paolo e Nanni Angeli, la manifestazione culturale, una delle più importanti in Sardegna, andrà in scena dal 7 al 13 settembre tra Palau, Arzachena, Luogosanto e Santa Teresa di Gallura. «Siamo consapevoli delle difficoltà, ma pensiamo che sia importante dare un segnale di ripresa, per affermare la cultura tra i bisogni primari e sostenere un settore che rappresenta un fiore all’occhiello per la Sardegna – spiegano gli organizzatori -. Ovviamente tutto verrà realizzato nel completo rispetto delle normative, ma siamo convinti che gli artisti e gli scenari naturali che da sempre accolgono il festival sapranno ancora una volta trasmettere quelle atmosfere uniche che, dal 1996, si vivono a Isole che parlano».

La tomba dei giganti di Coddu 'Ecchju ad Arzachena

Il programma è particolarmente ricco, tra concerti, laboratori, mostre, incontri, spettacoli e proiezioni. Un cartellone che avrà come protagonisti numerosi artisti e musicisti sia nazionali che internazionali, come Monika Bulaj, Kanuteh Zanotti duo, Mirra Kone duo, Ilienses, Tenore Murales di Orgosolo, Francesco Guerri, Kanuteh Koe duo, Stefano Pilia, Nostos, Dalila Kayros e Danilo Casti, Freak Motel, Campanari di Locusantu e Arricardu Pitau. Un occhio di riguardo sarà come sempre dedicato alla scena avantgarde della Sardegna (nella declinazione post rock, gotico e pop sperimentale) e alle commistioni di linguaggi tra musica improvvisata e le tradizioni del Mediterraneo, dei Balcani e dell’Africa.

Anche quest’anno il festival, che si caratterizza da sempre per l’originale accostamento tra contemporaneo, avanguardia e tradizione, favorendo un confronto tra ciò che circuita nei network dei festival internazionali e le espressioni più originali della Sardegna, si concentrerà sulla valorizzazione del prezioso patrimonio materiale e immateriale di alcuni dei luoghi più suggestivi e significativi della Gallura. Come per esempio la tomba dei giganti di Coddu ‘Ecchju di Arzachena, piazza Libertà di Santa Teresa, la Fortezza di Monte Altura e la chiesa campestre di San Giorgio a Palau, la chiesa di Nostra Signora e il Palazzo di Baldu di Luogosanto.

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

Inquinamento nella Pianura Padana, l'animazione dell'Agenzia spaziale europea (Esa)
Inquinamento nella Pianura Padana, l'animazione dell'Agenzia spaziale europea (Esa)
Cina, il clima nello Xinjiang scende improvvisamente di 45°C: gli uccelli muoiono congelati
Cina, il clima nello Xinjiang scende improvvisamente di 45°C: gli uccelli muoiono congelati
Segnali preoccupanti: come si presenta l'Appennino umbro-marchigiano col caldo e senza neve
Segnali preoccupanti: come si presenta l'Appennino umbro-marchigiano col caldo e senza neve
Inquinamento del fiume Sarno, sequestrate due aziende nel Napoletano
Inquinamento del fiume Sarno, sequestrate due aziende nel Napoletano

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...