Tiscali.it
SEGUICI

Gli alieni sono tra di noi e mangiano le piante. Ecco dove vivono i primi venti "ricercati" più pericolosi d'Europa

La biodiversità minacciata da specie importate. Il coleottero giapponese, da solo, potrebbe mettere in ginocchio l'economia

Stefania Divertitodi Stefania Divertito   
Tarlo asiatico adulto
Tarlo asiatico adulto. Foto Ansa

Il nome non fa pensare a una minaccia vera e propria, ma la Popillia japonica si alimenta su più di 400 specie vegetali, tra cui alberi, arbusti e piante da fiore nutrendosi di foglie, ma anche fiori e frutti. Mentre le larve, che restano nel terreno, mangiano le radici. E tanti saluti alla produzione agricola. Infatti questo coleottero dai colori vivaci, in caso di forti infestazioni può portare danni irreversibili persino ai prati destinati ad attività sportive.

Il suo arrivo in Italia è avvenuto in sordina, ma adesso lo troviamo già in Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Valle d'Aosta e a essere prese di mira sono state soprattutto le aziende vivaistiche a causa dell'alta concentrazione di "pappa pronta": l'insetto è capace di interferire sui costi di produzione di fiiera, con conseguenti perdite economiche importanti. 

Il granchio blu minaccia l'Adriatico. Foto Ansa

Il Crea - centro di ricerca, difesa e certificazione - ha messo a punto un progetto per contenere questa espansione e ha utilizzato degli altri insetti dannosi per attaccare le larve.

Leader in biodiversità

L’Italia è leader europeo della biodiversità: ospita circa 1/3 delle specie animali e la metà di quelle vegetali presenti nel Vecchio Continente. Vantiamo oltre 58.000 specie faunistiche e 6.700 specie di piante, di cui rispettivamente il 30% e il 15% vivono praticamente solo in Italia. Però è un patrimonio costantemente a rischio.

Dalla cimice asiatica al batterio Xylella, dalla Popillia japonica alla Tristezza degli agrumi, dal Punteruolo rosso alla Flavescenza dorata, dalla Vespa velutina alla Batteriosi del kiwi, alla mosca bianca: sono sempre di più le specie aliene – batteri, virus, funghi, insetti, acari e nematodi– che si sono introdotte accidentalmente nelle campagne italiane, facilitati dai cambiamenti climatici e dalla globalizzazione degli scambi, con ingenti ricadute sul piano ambientale, paesaggistico ed economico.

La scorsa estate è scattato l'allarme per il granchio blu, ma da allora poco o nulla è cambiato

Pericolo costante

Le specie aliene, insomma, sono una vera e propria dannazione. Chi non ha mai visto una pianta da terrazzo attaccata dalla cocciniglia? Ecco, sappiate che esite quella tartugata che sta provocando ingenti danni alle chiome degli alberi della macchia mediterranea. Non è solo una questione estetica, chiaramente: nutrendosi di linfa elaborata, provoca un grave indebolimento della pianta. 

Per Alessandra Pesce, Direttrice del CREA Politiche e Bioeconomia, il problema numero uno è il cambiamento climatico, e mette in fila i numeri del disastro: oltre 37 mila specie aliene sono state introdotte in regioni ed ecosistemi di tutto il mondo, stima in crescita con ritmi vertiginosi. Di queste, più di 3.500 sono invasivi e dannosi nei nuovi ecosistemi, con un costo economico globale di circa 423 miliardi di dollari l’anno. Restringendo il campo all’agricoltura, la FAO stima i danni causati da parassiti fino al 40% della produzione globale, con un costo per l’economia del pianeta di oltre 220 miliardi di dollari l'anno.

Per Ispra in Italia sono state identificate 3500 specie aliene, e si va dalla zanzara tigre alla nutria. È la seconda minaccia della biodiversità e rappresenta il fattore chiave nel 54% delle estinzioni di specie animali conosciute. 

Sono numerosi i progetti, anche a livello europeo, per contrastare le specie aliene invasive. Il ministero dell'Ambiente ha creato un fondo da 5 milioni l'anno per azioni contro queste specie. Soldi trasferiti alle regioni ma non tutte li hanno effettivamente spesi per arginare questa piaga. 

Stefania Divertitodi Stefania Divertito   
I più recenti
Il povero panda tenta di saltare sul sacco ma le cose non vanno come previsto: da ridere
Il povero panda tenta di saltare sul sacco ma le cose non vanno come previsto: da ridere
I lupi animali docili. nelle vigne toscane e umbre sono alleati del vino
I lupi animali docili. nelle vigne toscane e umbre sono alleati del vino
Il cane si spaventa e trascina tutto quello che è attaccato alla catena
Il cane si spaventa e trascina tutto quello che è attaccato alla catena
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...