Tiscali.it
SEGUICI

Le strade dello Zafferano si tingono di arancio e viola

Si è tenuta il 6 novembre la prima tappa di San Gavino Monreale e proseguirà nelle prossime settimane con Turri e Villanovafranca

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
Le strade dello Zafferano si tingono di arancio e viola

È stato solo il primo degli appuntamenti previsti per quest’autunno, ma si può già dire con certezza che le strade dello Zafferano si sono di nuovo tinte di arancio, rosso e viola. Colori che come sempre certificato la presenza dell’autunno in Sardegna, ma che allo stesso tempo mostrano l’assoluta capacità degli organizzatori di fare squadra al fine di promuovere il territorio e i suoi prodotti. Dal 6 al 20 novembre si potrà infatti scoprire un pezzo della tradizione sarda grazie a dei momenti di sano intrattenimento a delle visite nei principali musei locali. E non mancheranno inoltre laboratori, degustazioni. Insomma, un programma da vivere fino in fondo come si è visto in questi giorni a San Gavino Monreale con questo primo evento. Nelle giornate appena trascorse il pubblico si è presentato numeroso per assistere a uno spettacolo che unisce cultura e gastronomia in un colpo solo. Il cibo ovviamente era, e lo sarà ancora, tra i protagonisti di questa edizione de Le strade dello Zafferano con i suoi stand che arricchiscono di piacere i quartieri dei paesi. Ma c’è stata anche l’occasione per conoscere le peculiarità di questo prodotto grazie al libro Sardegna e Zafferano - un racconto lungo i secoli di Carlo Delfino editore.

 

L’evento

Ogni anno questi borghi si prendono il loro spazio per raccontarsi e mostrare ciò che più li caratterizza e li accomuna come la coltivazione dello zafferano. Una pianta con proprietà ben definite a cominciare da queste tinte accese e raffinate.  Come sempre l'obiettivo è di creare un programma che possa accogliere il maggior numero di persona da tutta la Regione e non solo. Giornate nelle quali si può condividere non solo le dinamiche ma anche la storia che lega questi tre luoghi. 

«Fare rete - afferma all’Ansa Ilaria Casula, vicesindaca e assessora alla Cultura e Turismo di Turri - significa creare sinergie utili per incrementare e migliorare non solo la valorizzazione del nostro prodotto di nicchia ma anche incentivare la presenza di turisti nel nostro territorio». Così è stato in questo appuntamento a San Gavino Monreale (5-6 novembre), e così sarà nelle prossime settimane nei comuni di Turri (13 novembre), e Villanovafranca (20 novembre).  

 

Riccardo Lo Re

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Paola Babich
Paola Babich

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...