Tiscali.it
SEGUICI

Da stazzi di campagna a hotel di charme per un trend in continua crescita

Dimore private di contadini, pastori e allevatori di Gallura che conservano il fascino di storie antiche e che oggi ospitano lussuosi alberghi

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
Da stazzi di campagna a hotel di charme per un trend in continua crescita

Il fascino dello stazzo. Al grande pubblico, la tipica casa di campagna della Gallura di un tempo che fu è arrivata anche grazie a Il muto di Gallura, il film ispirato allomonimo romanzo che racconta la leggendaria figura ottocentesca del bandito Bastiano Tansu.

Allepoca di stazzi – dal latino statio, stazione, luogo di sosta – se ne contavano circa 1600, oggi decisamente meno, ma da qualche anno molte di queste storiche abitazioni, attorno alle quali, a partire dal XVIII secolo, gravitava la vita rurale e un sistema economico e sociale autosufficiente, sono diventate protagoniste di una sorta di rinascita attraverso la trasformazione da dimore private di contadini, pastori e allevatori in hotel di charme. Lo Stazzo Lu Ciaccaru, poco distante da Arzachena, il Cascioni Eco Retreat, che sorge su un colle che guarda alla baia di Cannigione e al mare della Gallura, e Gallicantu, a Luogosanto, in uno stazzo degli anni Trenta, sono alcune delle eccellenze di questa nuova forma di ospitalità che trae origine dal cambiamento della destinazione duso degli stazzi del nord-est dellIsola. Strutture che offrono unaccoglienza più genuina e familiare rispetto ai grandi resort, ma altrettanto confortevole. E magica. Complice il panorama mozzafiato in cui è incastonata.

Gestiti da famiglie che ne hanno ereditato la proprietà o da imprenditori che si sono appassionati alla loro storia, gli stazzi stanno vivendo una seconda vita: le camere, poche, sono lideale per quegli ospiti che cercano una vacanza intima e riservata, lontana dal glamour e dai riflettori dei posti alla moda preferiti dai vip ma altrettanto vicina alle splendide acque cristalline del mare gallurese. Ogni stazzo, poi, ha la sua storia e le sue peculiarità, e interpreta col proprio carattere il concetto di ospitalità. Con grande beneficio di chi decide di albergarvi, che può così usufruire di servizi ed esperienze diverse a contatto con la natura e le comunità locali di un territorio che ha ancora molto da svelare, e che desidera attrarre viaggiatori tutto lanno. Le ristrutturazioni ne valorizzano larchitettura mantenendo una connessione col territorio grazie alluso di materiali locali e alle collaborazioni con gli artigiani, le camere vengono dotate di ogni comfort e gli spazi si arricchiscono di moderne Spa, piscine, ristoranti con cucina tradizionale o gourmet, grotte per degustazioni e cantine con vigneti. In continuità con la storia e col sogno che questo angolo di Sardegna continua a rappresentare.

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

Nel piccolo acquario ci si annoia, ma il granchietto trova un gioco per trascorrere le ore: il video
Nel piccolo acquario ci si annoia, ma il granchietto trova un gioco per trascorrere le ore: il video
Il panda gioca felice e si rotola sulla neve: le immagini virali dallo zoo di Pechino
Il panda gioca felice e si rotola sulla neve: le immagini virali dallo zoo di Pechino

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...