Tiscali.it
SEGUICI

A caccia di comete

L’ESA punta alle comete per svelare i segreti del Sistema Solare

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
A caccia di comete

Tre navicelle spaziali per abbordare una cometa. Sembra la trama di un film di fantascienza, e invece è tutto vero. Battezzata Comet Interceptor, sarà la prima missione veloce dell'ESA - Agenzia Spaziale Europea - a "visitare" un corpo celeste in arrivo nel nostro Sistema Solare e raccogliere dati sensibili sull’origine dell’Universo. Il team di ricerca comprende un gruppo internazionale di esperti in collaborazione con lo UCL Mullard Space Science Laboratory e l'Università di Edimburgo.

 

Come suggerisce il nome, la missione consiste nell’intercettare una cometa - o un altro oggetto celeste - non appena questa entrerà nello spazio del nostro Sistema Solare. I tre veicoli che l’approceranno saranno utilizzati per studiare e raccogliere materiale inedito con cui creare un profilo 3D dell’oggetto, nella speranza di elaborare un profilo inedito della nascita delle comete. Ogni veicolo spaziale sarà, infatti, dotato di un modulo a uso scientifico per analizzare le diverse parti del corpo celeste: nucleo, elementi gassosi, polvere e plasma. 

 

La differenza tra la missione Comet interceptor e quella che l'hanno preceduta è che punterà a una cometa che non è mai passata prima nel nostro sistema, possibilmente proveniente dalla nuvola di Oort. Il materiale presente in queste comete, infatti, contiene materiale che non ha subito cambiamenti consistenti dall'origine dell'Universo, e il suo studio potrà aiutarci a far luce sui misteri che ancora avvolgono l'evoluzione del cosmo. Proprio per questo motivo, non c'è bisogno di conoscere l'obiettivo nella preparazione della missione. Ogni navicella raggiungerà il punto L2 Sole-Terra di Lagrange, a circa 1,5 milioni di chilometri dietro la Terra partendo dal Sole. Da lì si agganceranno alla prima cometa utile (non ancora identificata) quando questa si avvicinerà sufficientemente all'orbita terrestre. 

 

Il lancio di Comet Interceptor è previsto per il 2028 come aggancio della navicella ARIEL, che ha invece l’obiettivo di studiare gli esopianeti esterni al Sistema Solare. In quanto "missione veloce" avrà una durata media di 8 anni, dall'inizio dei lavori fino al lancio. 

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Paola Babich
Paola Babich

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...