Tiscali.it
SEGUICI

Delfini e balenottere in via d’estinzione avvistati nell’Amp Tavolara

Durante le attività di monitoraggio gli operatori dell’Area Marina Protetta hanno avvistato una quindicina di delfini e almeno undici esemplari di stenelle striate

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
Delfini e balenottere in via d’estinzione avvistati nell’Amp Tavolara

Le acque al largo della Sardegna e quelle dell’Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo rappresentano per i tursiopi, delfini costieri che vivono nei fondali bassi fino ai 200-250 metri di profondità, l’habitat ideale in cui riprodursi e vivere. E gli operatori dell’Amp lo sanno bene, visto che da tempo sono impegnati a portare avanti il progetto LIFE Delfi. Grazie all’Associazione SEA ME Sardinia, i ricercatori stanno aggiornando il database su questa specie protetta inserita, tra le altre, nell’allegato II della Direttiva Habitat. E proprio durante una delle attività di monitoraggio per la foto-identificazione degli individui, lo scorso 12 maggio, i biologi hanno fatto cinque avvistamenti di tursiopi, con almeno una quindicina di delfini in totale e raccolto importanti dati su ecologia e comportamento degli animali.

Ad arricchire ancora di più la giornata è stata un’eccezionale serie di avvistamenti tra cui un grande branco di stenelle striate e diversi avvistamenti di balenottera comune, l’unico misticete ritenuto regolare nel Mediterraneo e considerato in pericolo di estinzione, nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura. Almeno undici gli esemplari di balenottera comune avvistati in diversi gruppi, alcuni in alimentazione e altri in movimento verso nord, poco fuori l’Area Marina Protetta Tavolara punta Coda Cavallo, a testimonianza dell’importanza delle acque al largo della Sardegna anche per i grandi cetacei. Questo è il periodo in cui la specie si sposta dalle regioni meridionali del Mar Mediterraneo verso il Mar Ligure o anche altre aree di alimentazione come per esempio il noto Canyon di Caprera, al largo delle Bocche di Bonifacio, risalendo il Mar Tirreno e costeggiando l’isola. L’incessante lavoro di monitoraggio da parte del personale dell’Area Marina Protetta e di SEA ME Sardinia contribuisce a portare avanti lo studio dell’ecologia del delfino costiero tursiope e dell’interazione con le attività umane, una potenziale minaccia per questa specie.

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
L'amico è in balia del serpente, ma lui è coraggioso: interviene e lo salva
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più cattive
Paola Babich
Paola Babich

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...