Proteggere i nostri cani in estate: le 10 regole d’oro

Proteggere i nostri cani in estate: le 10 regole d’oro

L’arrivo dell’estate è spesso molto atteso, complice il fatto di vedere finalmente concretizzarsi le tanto sognate vacanze. Niente di male ovviamente, ma in estate occorre ricordarci però anche della cura dei nostri cani e di quelle piccole attenzioni extra che servono a proteggerli dagli effetti del caldo.

I nostri compagni di vita continueranno anche d’estate a regalarci compagnia e sorrisi, starà a noi tenere fede al nostro ruolo e prendercene cura. Come? Semplicemente rispettando alcune regole d’oro valide sia per la vita di tutti i giorni che in alcune occasioni speciali, come ad esempio i viaggi o gli spostamenti.

Estate e rischio colpo di calore

Il grande nemico dell’estate canina si chiama caldo. Ormai lo sappiamo bene, anche noi umani, le temperature estive possono raggiungere vette difficili da tollerare serenamente. I cani, che non possono sudare abbassando così la loro temperatura, affidano la loro difesa unicamente a una particolare attività di respirazione, a bocca aperta, che punta a favorire un maggiore ingresso di aria più fresca per bilanciare l’aumento della temperatura corporea.

Il colpo di calore scaturisce quando questo meccanismo non è più sufficiente e la temperatura interna del cane supera i 38/38,5 gradi. A quel punto risulterà difficile per l’animale rientrare all’interno dei propri valori di riferimento e la sua temperatura continuerà a salire rendendo necessario l’intervento del proprietario e/del medico veterinario riportarlo al di sotto dei 39 gradi. I più esposti a questo rischio sono i brachicefali e alcune razze in particolare, ovvero Bovaro del Bernese, Chow Chow, Pechinese e Volpino di Pomerania.

10 regole d’oro per proteggere i cani in estate

l nostro obiettivo però è quello di evitare l’insorgere di tale condizione, potenzialmente mortale per il nostro amico a quattro zampe, quindi ecco in nostro soccorso 10 regole d’oro per proteggere i nostri cani in estate:

Non occorre variare l’alimentazione solita del nostro cane, quanto piuttosto assicurarci che l’idratazione sia corretta e regolare. Il più consigliato resta sempre il cibo casalingo: vi assicuro che così facendo i vostri cani avranno decisamente meno bisogno di bere rispetto alle crocchette, e questo la dice lunga su quanto possa risultare utile. Garantirgli l’accesso alla ciotola dell’acqua e assicurarsi che questa non sia mai vuota. È possibile aggiungere qualche cubetto di ghiaccio per mantenere l’acqua più fresca.Se particolarmente caldo integrare il cibo fornendo di tanto in tanto qualche pezzetto di mela o di carota crude. Senza esagerare ovviamente. Da evitare invece gli snack che possono appesantirlo.Nelle giornate di maggiore calore può essere utile bagnare il pelo del cane di tanto in tanto, per rinfrescarlo ulteriormente.A proposito di pelo. Malgrado la tentazione possa spingerci a rasare il pelo del cane per “farlo stare più fresco” è bene fermarsi. Il manto degli animali ha anche una funzione isolante, quindi li aiuta di fatto a resistere meglio sia al freddo che al caldo. Meglio piuttosto spazzolarli frequentemente e rimuovere i peli morti: in quanto tali non assolveranno alla loro funzione isolante, ma anzi produrranno l’effetto opposto.Può essere opportuno anche modificare le proprie abitudini: prendersi cura dei cani in estate può voler dire destinare ad esempio i momenti di gioco alle ore del tardo pomeriggio o della sera.Se viene acceso il condizionatore in casa è meglio non superare mai i 5 gradi di differenza con l’esterno, anche per noi umani in realtà, così da evitare inutili rischi per la salute. In caso di utilizzo del ventilatore unica accortezza è invece quella di non puntarlo direttamente verso i nostri cani.La passeggiata con il proprio cane resta un momento molto importante. Per non renderla però un possibile fattore di rischio è opportuno riservarla alle prime ore della mattina (prima delle 8:30) o dopo il tramonto. Ricordarsi inoltre di portare sempre dietro una bottiglietta d’acqua fresca per farlo bere ogni tanto.Chi volesse portare il proprio cane in spiaggia dovrà prestare attenzione ad alcuni aspetti in particolare: garantire un posto fresco e all’ombra dove riposare, accesso all’acqua fresca e un bagno ogni tanto.Il viaggio in auto è uno dei passaggi più critici per molti, soprattutto in assenza di aria condizionata. Come per la passeggiata, anche qui sarà opportuno limitarsi a determinati orari (prima delle 8:30 al mattino, la sera possibilmente dopo le 21). Inoltre, l’abitacolo dovrà essere ben areato e si dovranno avere sempre dietro dei siberini e dell’alcol, strumenti utili per abbassare la temperatura corporea quando necessario.Infine i parassiti, più che mai attivi durante l’estate. Pulci, zecche, pappataci, flebotomi e zanzare sembra non dormano mai. Seguiamo in questi casi le indicazioni del medico veterinario e assicuriamo nostri cani la necessaria protezione. Attenzione anche ai forasacchi, nemici estivi da non sottovalutare: se il cane starnutisce troppo, scuote spesso la testa o si gratta insistentemente una piccola ferita o le orecchie può essere utile una visita dal veterinario.

Prendersi cura dei nostri cani in estate è molto importante e in fondo anche piuttosto semplice. Basta solo un po’ di organizzazione. Se poi magari abbiamo necessità di spostarci e non possiamo assicurargli le giuste cure ci sono strutture capaci di ospitarlo, dog sitter o associazioni che possono aiutarci. Buona vacanza a tutti i pelosi ecocentrici!

L'articolo Proteggere i nostri cani in estate: le 10 regole d’oro sembra essere il primo su Ecocentrica.