Per un abbigliamento sportivo all’insegna della sostenibilità

Per un abbigliamento sportivo all’insegna della sostenibilità

I capi green per l’allenamento

La chiusura delle palestre ha portato molte di noi a fare sempre più spesso esercizi fisici a casa, un’abitudine che comporta un look adeguato. Sono tanti i fattori che incidono nella scelta su cosa indossare sulla cyclette o magari allenandosi sul tappetino. Il mio consiglio è orientarsi su indumenti comodi, che ci facciano sentire a nostro agio, senza dimenticare che sono da preferire prodotti sostenibili, realizzati cioè nel rispetto dell’ambiente. Vediamo insieme i capi che possono fare al nostro caso e garantirci un’esperienza sportiva confortevole che possa rigenerarci, inseguendo, allo stesso tempo, un futuro più bello e pulito.

Joggings in tessuto naturale (CasaGIN)                                                                                  € 48

Perfetti per il tempo libero, i joggings sono un indumento che si adatta perfettamente a questa stagione e che ti avvolgono nella loro morbidezza. Quelli di CasaGIN aderiscono bene alle caviglie e alla vita, senza bisogno di elastici, donando il comfort necessario per allenarsi. In casa risultano comodi e confortevoli, all’esterno permettono qualunque movimento nella massima leggerezza. La loro sostenibilità ha le sue radici nel legno di faggio, da cui deriva la fibra naturale con la quale sono prodotti. Tale tessuto, noto come TENCEL™ Modal, che rappresenta il 92% della composizione del capo, è prodotto e tinto in Italia e ha la caratteristica di essere traspirante e, soprattutto, sano per la persona e per l’ambiente. 

CasaGIN è un brand di moda sostenibile che utilizza fibre ecologiche con fornitori a km 0 e prodotti realizzati al 100% in Italia, dalla tintura al confezionamento. Il network di produzione coinvolge piccoli laboratori artigianali a conduzione familiare e con esperienza decennale, dove c’è inclusione e sicurezza a livello lavorativo. Ecologico è anche il packaging, dalle bustine in amido di mais agli imballi in cartone riciclabile. https://www.casagin.com/

Trixy Zip Hoody  (Oceans Apart)                                                                                     79,99 €

Maniche voluminose e stile casual: la felpa a cappuccio e con zip di OceansApart è realizzata in cotone bio per l‘80% ed è ideale per l’attività sportiva. Il restante 20% è poliestere riciclato, un’ulteriore scelta all’insegna della sostenibilità. Molto comoda e pratica, se ne può regolare la vestibilità attraverso la coulisse, il noto espediente sartoriale con cui è possibile modificare la forma di abiti e accessori in base alle proprie forme o esigenze. Molto pratiche per il fitness anche le due piccole tasche laterali dove riporre ad esempio lo smartphone per ascoltare la musica

Oceans Apart, nata negli Usa nel 2017, è un’azienda presente anche in Italia, specializzata in abbigliamento sportivo di alta qualità e al 100% vegano. Un impegno da cui è nata sui social la community #oceansapart che mira a valorizzare la bellezza interiore e a farla emergere nella vita di tutti i giorni, dagli allenamenti ad altre attività quotidiane. La composizione naturale dei prodotti vuole lasciare una sensazione piacevole sulla pelle e, allo stesso tempo, farti apparire speciale. https://www.oceansapart.com

Reggiseno sportivo (Adidas by Stella McCartney)                                                                    69 €

A caratterizzare il reggiseno sportivo, realizzato con un’alta percentuale di poliestere riciclato, è l‘orlo con il logo stampato che mette in luce il nome della stilista, Stella McCartney, esempio affermato di moda sostenibile, e quello del marchio di riferimento, Adidas Group.  Tracolle regolabili, scollo rotondo, chiusura frontale con zip, il capo è di colore nero, è fatto al 91% di poliestere. Consigliato per donne dinamiche e attive, questo prodotto può rappresentare una scelta grazie alla quale possiamo essere tranquille con noi stesse e progettare un futuro migliore per il pianeta.

Stella McCartney, figlia di Paul, famoso cantante dei Beatles, ha iniziato a realizzare abiti all’età di 12 anni. Vegana e animalista, è stata la prima stilista a decidere di non inserire pelle e pellicce nelle sue collezioni. Collabora con aziende rispettose del lavoro di allevatori e contadini, e utilizza tessuti di origine vegetale. Ha ideato questa linea per Adidas, azienda che entro il 2024 impiegherà solo poliestere riciclato e che è impegnata a migliorare l’intero processo di produzione, al fine di non sprecare acqua e di ridurre le emissioni di Co2. https://www.adidas.it/

Juicy Ipazia Top          (The Minu)                                                                                               89 €

Il top, il più lungo della collezione The Minu, mira ad esaltare il petto a fronte di una schiena sensuale ed atletica a forma di U. Si può abbinare ai leggings ed è realizzato per il 65% in ECONYL®, cioè nylon rigenerato ottenuto da rifiuti, e a questo si aggiunge, come altro fattore di sostenibilità, il fatto che il capo sia realizzato interamente nel nostro Paese.  Oltre che in occasioni sportive, Ipazia può essere indossato anche con un abbigliamento casual, aggiungendo un tocco vibrante grazie anche alla stampa Juicy che mira ad essere succosa (come da traduzione letterale) e sensuale. 

The Minu nasce nel 2019 dall’idea di business sostenibile della giovane imprenditrice italiana Alessandra Albertini che aveva già lavorato nel settore dell’abbigliamento sportivo in Australia. Un’altra esperienza all’estero che l’ha cambiata è stata quella in India dove, indossando quotidianamente capi activewear, ha sperimentato che, per allenarsi bene, fosse necessario sentirsi a proprio agio e migliori con un certo tipo di abbigliamento. Da qui l’impegno, nelle sue collezioni, ad abbellire le donne per aumentarne anche le prestazioni in ambito sportivo. https://www.theminu.com/

Maglia tecnica da donna in Capilene® (Patagonia)         40 € 

Utile per l’allenamento e per diverse stagioni, la maglia tecnica è un capo da avere sempre a portata di mano. Quella di cui voglio parlarti è realizzata in Capilene, tessuto riciclato prodotto direttamente dall’azienda Patagonia, della quale ho già ricordato l’impegno nel creare capi ecocompatibili. La maglia in questione è molto morbida e traspirante, si asciuga rapidamente e controlla gli odori con la tecnologia HeiQ® Fresh. Fatta in tessuto riciclato con percentuali variabili, la maglia è disponibile in diversi colori.

Nata nel 1973, Patagonia è tra le aziende pioniere nel green fashion, nota al punto da aver ottenuto l’ambito marchio World Fair Trade Organisation. Assicura ottime condizioni di lavoro ai produttori locali, ha massimo rispetto dell’ambiente, in ogni fase della lavorazione, ed è costantemente impegnata nel ridurre al minimo gli sprechi. Specializzata in abbigliamento sportivo, è stata fondata dall’alpinista Yvon Chouinard che, partendo dall’arrampicata, ha ideato nel tempo proposte per diverse discipline. https://eu.patagonia.com/

I contenuti di questo post non sono legati a nessun tipo di operazione commerciale.

Le aziende e i prodotti segnalati sono stati recensiti di mia iniziativa e in base ai miei gusti e valori.

Tessa Gelisio

L'articolo Per un abbigliamento sportivo all’insegna della sostenibilità sembra essere il primo su Ecocentrica.