Tiscali.it
SEGUICI

Vuoi coltivare il basilico ma non ci riesci? Ecco come evitare che muoia cresca florido

Si chiama Ocimum basilicum anche se tutti lo conosciamo tutti come basilico, è una pianta aromaticaannuale e parte integrante della famiglia delle Lamiacee

Tessa Gelisiodi Tessa Gelisio   
Foto Ansa
Foto Ansa

Che meraviglia il basilico, con quella sua profumazione così intensa e con quel gusto così unico,dolcemente pungente. Con quel colore così brillante riesce a caratterizzare tutte le ricette, in particolarequelle estive. Del resto è il protagonista della stagione più calda, grazie alla sua innegabile versatilità in cucina perché dona freschezza e unicità a ogni piatto. Gustarlo crudo è la via più facile per godere dellasua freschezza e del suo sapore appetitoso, ma anche per sfruttare tutte le sue proprietà benefiche adesempio per migliorare la digestione.

Come sapete amo circondarmi di piante, e in cucina non mancano mai quelle aromatiche : sempre pronte per un tocco di sapore in più per le mie pietanze. Il basilico è di sicuro una delle la mie piante preferite, che trova posto sia in casa che in giardino, anche perché il suo profumo è un repellente naturale per le zanzare . Curarla, poi è facile, basta seguire qualche regola di base così da assicurargli una crescita sana e rigogliosa.

Basilico, storia e provenienza

Si chiama Ocimum basilicum anche se tutti lo conosciamo tutti come basilico, è una pianta aromaticaannuale e parte integrante della famiglia delle Lamiacee. Nonostante sia la protagonista indiscussa dellazona Mediterranea, le sue origini rimandano all’India e all’Asia dove ancora oggi è molto impiegata.Elegante, profumata, dall’aroma importante, il basilico è una vera pianta reale, non a caso il suo nomesignifica “pianta regale, maestosa“. Del resto il basilico è il re dalla cucina, un ruolo importante per unapianta che, pensate un po’, un tempo era considerata parte integrante della superstizione.

Nell’antica Grecia e in Egitto, ad esempio, veniva impiegata nei rituali legati all’imbalsamazione come buon auspicio per l’aldilà. Cinesi e Arabi la utilizzavano come rimedio medico, i crociati la spargevano all’interno delle navi per allontanare gli insetti. Ma la cosa più incredibile è che, al basilico, era legata una simbologia di odio e sfortuna, e anche diabolica. Di sicuro la nostra amica è riuscita a sopravvivere a queste nomee negative per trovare, finalmente, la giusta collocazione sul trono sia della cucina che dei rimedi popolari.

Basilico, come si annaffia

Il basilico cresce perfettamente quando le temperature sono calde e le giornate soleggiate, tra i 20° e i 25° mentre teme le temperature invernali. Il basilico germoglia in primavera, cresce e diventa rigoglioso in estate e appassisce durante l’autunno.

Si trapianta o si semina durante i mesi che vanno da marzo a maggio, e si può coltivare direttamente nel terreno oppure nei vasi più classici posizionandoli al sole, utilizzando un terriccio ben drenato, fertile. Che sia terrazzo, balcone o in cucina, ciò che conta è che assorba il più possibile il calore dei raggi del sole, evitando però la luce diretta per una migliore longevità.

Ama molto l’acqua, per questo va annaffiato massimo 3 volte alla settimana, così da mantenere il terricciosempre umido ma evitando i ristagni. Le ore migliori per annaffiare sono quelle del mattino presto o la sera, tastando sempre il terreno con le dita per verificarne la consistenza, ad esempio se appare morbido e umido si può spostare al giorno successivo l’appuntamento con l’innaffiatoio.

Concime e raccolta

Un po’ di nutrimento farà bene al nostro basilico, meglio ancora se con del concime organico e naturale da aggiungere magari ogni due settimane o una volta al mese, monitorandone la crescita. Questo permette al terreno di rilasciare il giusto nutrimento così che radici, stelo e foglie crescano sane e forti. Evitando di spruzzarlo direttamente sulla pianta e sulle foglie stesse.

Quando è pronto si può raccogliere, ovvero quando il basilico è alto almeno 15 massimo 20 centimetri sipossono prelevare con le forbici le foglie in cima. Nel dettaglio quelle che vengono definite apicali, lequattro in cima allo stelo. Rimuoverle appena sopra il nodo stimolerà la crescita di nuovi getti, sempresani e brillanti. Ma attenzione alle foglie malate o ingiallite, vanno tolte così da preservare la salute dellapiantina. Inoltre, il basilico produce dei delicati fiorellini, per evitarne la formazione è meglio tagliarliappena si formano così da spingere la pianta a creare nuove foglie e steli.

Basilico e sopravvivenza

Arriviamo alle note dolenti, nonostante sia una pianta perenne il basilico non riesce a sopravvivere alletemperature invernali, in particolare se vive in giardino. Durante il periodo autunnale tende ad appassirenaturalmente, per questo lo si può spostare in casa dove la temperatura è gradevole e calda. Bastaposizionarlo in una zona illuminata, magari sul davanzale, ma lontano da correnti d’aria fredda.Continuando a innaffiare il terreno e a concimarlo in base alla necessità dello stesso.

E se invece volete replicare la vostra piantina potete raccogliere i semi. Come? Basta far germogliare i fiori, per poi tagliarli a maturazione lasciandoli seccare. Quando sono marroni si possono intravedere dei piccoli semini neri che si recuperano, semplicemente, strofinando i fiori tra le dita. I semi si conservano in un sacchetto di carta, da lasciare in un vaso di vetro fino alla prossima primavera.

Avete visto quanto è facile curare il basilico? Ciò che conta è cercare di mantenerlo sempre idrato evitando che i parassiti lo colpiscano. Proteggendolo anche durante la stagione più fredda, così da poter utilizzare le sue foglie per pietanze sempre gustose e fresche.

L'articolo Basilico, soluzioni per una cura perfetta sembra essere il primo su Ecocentrica.

Tessa Gelisiodi Tessa Gelisio   
I più recenti
Burrocacao e balsamo labbra: differenze, usi e benefici
Burrocacao e balsamo labbra: differenze, usi e benefici
Costumi più sostenibili per l’estate 2024
Costumi più sostenibili per l’estate 2024
Mangiare e salvare il pianeta? c'è un solo modo per farlo. Ecco la dieta giusta
Mangiare e salvare il pianeta? c'è un solo modo per farlo. Ecco la dieta giusta
Dove lasciare il cane quando si va in vacanza
Dove lasciare il cane quando si va in vacanza
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...