Tiscali.it
SEGUICI

Via libera dell’Ue, in arrivo il decreto per gli incentivi italiani alle Comunità energetiche rinnovabili

Pichetto: “Ciascun cittadino potrà contribuire alla produzione di energia rinnovabile, e avere i benefici economici derivanti dall’autoconsumo”

di GreenReport.it   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

A due anni di distanza dal recepimento della direttiva europea Red II che le istituisce, le Comunità energetiche rinnovabili (Cer) stanno per poter accedere agli incentivi economici promessi. È almeno da febbraio che il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto, annuncia l’ormai prossima pubblicazione del decreto italiano di incentivazione, ma stavolta sembra diverso. «Siamo di fronte a una svolta, a una nuova fase storica nel rapporto tra cittadini ed energia», dichiara il ministro, comunicando che la Commissione europea ha dato il via libera al decreto: «Ora le Comunità energetiche rinnovabili potranno diventare una realtà diffusa nel Paese – continua Pichetto – ciascun cittadino potrà contribuire alla produzione di energia rinnovabile, e averne i benefici economici derivanti dall’autoconsumo, pur non disponendo direttamente degli spazi necessari alla realizzazione degli impianti».

LEGGI ANCHE: Comunità energetiche rinnovabili (Cer) - Presentazione decreto (PDF)

Le Cer rappresentano infatti nuovi soggetti giuridici, costituibili a partire da un gruppo di singoli soggetti – come famiglie, condomini, Pmi e Comuni – che decidono di autoprodurre, accumulare e scambiarsi energia generata da fonti rinnovabili, nello spirito di una vera comunità e aprendo al contempo realizzazione di nuovi modelli di business. Il decreto per gli incentivi non è stato ancora pubblicato ufficialmente, ma la struttura è ormai nota (e sintetizzata nelle slide allegate in coda all’articolo).

I capisaldi sono due: da una parte una tariffa incentivante ventennale sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa, dall’altra un contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi ammissibili – destinato alle Cer nei Comuni entro i 5mila abitanti –, finanziato con 2,2 mld di euro dal Pnrr e cumulabile con la tariffa incentivante (valida su tutto il territorio nazionale).

Il soggetto gestore della misura è il Gse, che valuterà i requisiti di accesso ai benefici ed erogherà gli incentivi; su richiesta dei soggetti interessati, potrà verificare l’ammissibilità anche in via preliminare.

Il primo passo per accedere agli incentivi è individuare un’area dove realizzare un impianto rinnovabile – ad esempio fotovoltaico – di potenza massima pari a 1 MW, per poi costituire una Comunità energetica tra utenti connessi alla medesima cabina primaria (corrispondente territorialmente a circa 3-4 Comuni oppure 2-3 quartieri di una grande città); non necessariamente la Cer deve anche essere proprietaria dell’impianto, che può essere messo a disposizione anche da un solo membro oppure addirittura da un soggetto terzo.

Una volta autorizzato l’impianto, connesso alla rete e richiesto l’incentivo al Gse, l’energia condivisa all’interno della Cer – ovvero quella consumata dai membri mentre viene prodotta – può accedere alla tariffa incentivante.

Quando la produzione è superiore al consumo, alla Cer viene riconosciuto il valore economico dell’energia prodotta, senza ulteriori incentivi; in alternativa tale energia può anche essere accumulata tramite batterie, per poi essere utilizzata successivamente dagli utenti. In ogni caso è garantito un risparmio sui costi dell’energia per chi fa parte della Comunità, grazie a una maggiore autosufficienza.

A cura di GreenReport.it

di GreenReport.it   

I più recenti

Engie, avviato il più grande parco agrovoltaico d'Italia (Ansa)
Engie, avviato il più grande parco agrovoltaico d'Italia (Ansa)

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...