Servizi di raccolta rifiuti a rischio, senza mascherine e guanti stop al ritiro

L’appello di Confindustria Cisambiente e Fise Assoambiente

Servizi di raccolta rifiuti a rischio, senza mascherine e guanti stop al ritiro
TiscaliNews

"Altissimo rischio di possibili interruzioni del servizio" di raccolta dei rifiuti "a partire dalle prossime 24 ore", nel pieno dell'emergenza per il Covid-19, se non viene "inserito nella rosa dei settori strategici ed essenziali al pari del Sistema Sanitario, Forze dell'Ordine, Armate, Protezione Civile e approvvigionamenti alimentari ed essenziali" e se ad esso non vengano "garantite le forniture degli strumenti di protezione individuale e delle attrezzature di sanificazione oggi irreperibili sul mercato". L'allarme arriva da Confindustria Cisambiente, che raggruppa le imprese di tutto il settore della ecologia, dell'igiene ambientale e dell'energia rinnovabile da rifiuto, che esprime "sconcerto" per essere stato "dimenticato nel Decreto Cura Italia".

L'associazione chiede "con forza l'aiuto e l'attenzione del Governo" per "scongiurare gravi problemi per la comunità che dovessero derivare dalle fermate del settore" ricordando che "la raccolta dei rifiuti urbani è un servizio pubblico essenziale reso alla comunità: è essenziale garantire, nel pieno dell'emergenza per il Covid-19, il servizio della raccolta e gestione dei rifiuti che non può essere interrotto pena l'insorgere di gravi conseguenze per la salute pubblica. Non possiamo permetterci di avere i rifiuti per le strade con il rischio sanitario che questo comporta in un momento così delicato per il Paese", avverte Confindustria Cisambiente. "Ai lavoratori del nostro comparto 'essenziale e prioritario per il Paese al pari dei servizi sanitari' va il doveroso ringraziamento per la professionalità e abnegazione" prosegue l'associazione ribadendo che "le aziende e sindacati si sono impegnati con i lavoratori, ma rimane altissimo il rischio oggettivo di possibili interruzioni del servizio a partire dalle prossime 24 ore".

Le attività di igiene ambientale e gestione dei rifiuti rischiano di "bloccarsi in diverse aree del Paese a causa dell'assenza" di mascherine "per tutti i 90mila addetti del settore che ogni giorno, anche in piena emergenza Covid-19, stanno continuando a garantire i servizi pubblici ed essenziali di raccolta e gestione dei rifiuti urbani e speciali" afferma Fise Assoambiente (l'associazione che rappresenta le imprese di igiene urbana, riciclo, recupero e smaltimento di rifiuti urbani e speciali) in una lettera inviata al ministro dell'Ambiente Sergio Costa sulle condizioni di lavoro del settore nel corso della pandemia coronavirus. 

L'associazione chiede al Governo di "assicurare un adeguato rifornimento di questi dispositivi alle imprese del settore e di valutare in questa fase di emergenza misure fiscali sui dispositivi di protezione individuali"; cioè "di valutare l'imposizione di un'Iva agevolata al 4% per questi dispositivi e la possibilità di detrarre i costi relativi in forma maggiorata". Inoltre chiede al ministero dell'Ambiente, "ad oggi assente, di attivarsi urgentemente" per "fornire disposizioni chiare e coordinate". La situazione di "criticità - osserva Fise Assoambiente - richiede un indirizzo chiaro, uniforme e concreto da parte delle autorità centrali e la garanzia di adeguato stock" di mascherine "alle aziende" per "poter operare in piena sicurezza. Il problema non è più rinviabile; senza la garanzia di adeguati rifornimenti di questi strumenti, le imprese non potranno assicurare il servizio".