Auto vecchie e pesantemente inquinanti, in Italia circolano ancora 3,3 milioni di Euro 0

Corrispondono all’8,4 per cento del totale delle vetture ad uso privato. Se si allargasse l’analisi considerando anche gli Euro 3 la situazione è drammatica: circa 13,4 milioni di auto inquinanti

Auto vecchie e pesantemente inquinanti, in Italia circolano ancora 3,3 milioni di Euro 0
TiscaliNews

A partire dallo scorso primo agosto è possibile accedere agli incentivi statali per l’acquisto di autovetture Euro 6. La novità, che mira a dare ossigeno all’industria automobilistica, che necessita di liberare i propri saloni da centinaia di migliaia di auto non del tutto ecologiche, consentirà a tanti automobilisti di sostituire la propria macchina, andando conseguentemente a svecchiare un parco auto nazionale che non gode di ottima salute. Secondo l’elaborazione di Facile.it, realizzata su dati ufficiali rilasciati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti aggiornati al 31 dicembre 2019, nei registri della motorizzazione risultano ancora registrate 3.327.113 automobili Euro 0, corrispondenti all’8,4 per cento del totale vetture ad uso privato in circolazione.

Il quadro, evidenziano gli esperti, appare drammatico anche se si decide di allargare l’analisi fino ai veicoli Euro 3. In questo caso le auto private “altamente inquinanti” sarebbero in totale circa 13,4 milioni. Alcuni evidenziano che molti di questi mezzi potrebbero di fatto esser non più circolanti, ma preoccupa, in ogni caso, il fatto che un terzo della auto potenzialmente in strada (34 per cento) ha 15 o più anni di vita: le vetture Euro 3 sono infatti uscite di produzione nel lontano 2005, mentre quelle Euro 0 addirittura nel 1992. A conquistare la maglia nera la Campania che, da sola, vanta (si fa per dire) più di 503 mila auto Euro 0 (circa un sesto del totale italiano). Alle sue spalle si trova la Sicilia, dove le vetture appartenenti a questa categoria sono quasi 429 mila, mentre sul terzo gradino del podio si piazza la Lombardia, che conta poco più di 383 mila autovetture Euro 0.

Spostando l’analisi a livello provinciale emerge che maglia nera d’Italia è la provincia di Napoli, dove il 15,77 per cento del parco auto circolante appartiene alla categoria Euro 0. Secondo e terzo posto per due province calabresi: Reggio Calabria (15,32 per cento) e Vibo Valentia (15,25 per cento). Un valore più contenuto, ma ancora importante, e comunque superiore alla media nazionale, per la provincia di Roma, dove l’8,63 per cento è un Euro 0: la provincia di Milano se la cava meglio, con una percentuale di poco inferiore al sette percento (6,60 per cento).

Le vecchie automobili di età superiore ai 15 anni risultano esser, oltre che dannose per l’ambiente, anche meno sicure. La buona notizia, evidenziano gli analisti di Facile.it, è data dal fatto che tantissimi italiani potranno beneficiare di bonus statali importanti, che in alcuni casi potranno sfiorare i 10mila euro.