Tecnologia italiana contro l'erosione della spiaggia di Nizza

Tecnologia italiana contro l'erosione della spiaggia di Nizza
di Adnkronos

Roma, 13 gen. - (Adnkronos) - Una delle spiagge più famose al mondo, quella municipale di Nizza sulla Promenade des Anglais, sarà protetta dalla tecnologia Smart Pebble sviluppata dall’Università di Siena, già adottata con successo nelle spiagge italiane di Marina di Pisa e Ancona e in Croazia sull’isola di Vis. Obiettivo: comprendere le dinamiche dell’erosione costiera e per poter poi individuare le soluzioni per contrastarle. L'attività di ricerca inizia oggi e a condurla sarà il gruppo di ricerca del professor Alessandro Pozzebon del Dipartimento di Ingegneria dell’informazione e scienze matematiche dell'ateneo senese in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa e con la Division Mer et Littoral della Municipalità di Nizza. Il gruppo di ricerca dell’Università di Siena negli ultimi dieci anni ha sviluppato un sistema basato su tecnologia Rfid che permette di tracciare in maniera puntuale lo spostamento dei sedimenti lungo la costa. Il sistema Smart Pebble (ovvero, 'ciottolo intelligente'), permette di monitorare gli spostamenti di grandi quantità di ciottoli, per periodi di tempo brevi, medi o lunghi. “Le informazioni raccolte con questa tecnica – spiega Pozzebon - sono di notevole importanza per comprendere le dinamiche dell’erosione costiera e per poter poi individuare le soluzioni di protezione del litorale più indicate. Si tratta inoltre di informazioni riguardanti le traiettorie seguite dai sedimenti, la loro variazione morfologica e la loro abrasione, non ottenibili tramite nessun’altra soluzione tecnologica”. Il team posizionerà un centinaio di “Smart Pebble”, monitorandone gli spostamenti per le successive 48 ore, e andando poi a localizzarli tramite un dispositivo sviluppato ad hoc e a recuperarli dopo circa due mesi, con l’intento di raccogliere quante più informazioni possibile per cercare di definire al meglio i processi erosivi che minacciano la spiaggia. “In un’epoca storica in cui il riscaldamento globale è un fenomeno ormai assodato e il conseguente innalzamento dei mari rischia di far scomparire interi tratti di litorale – conclude il professor Pozzebon - una tecnologia che permette di comprendere meglio i processi erosivi rappresenta un piccolo ma prezioso strumento per cercare il più possibile di contrastarli”.