Tiscali.it
SEGUICI

Un gigantesco squalo di 8 metri fotografato mentre nuota nelle acque del golfo di Trieste

Si tratta di uno squalo elefante e l’avvistamento è avvenuto nel tratto di mare tra Santa Croce e Marina di Aurisina

TiscaliNews   
Foto realizzata dai ricercatori dell'Area Marina Protetta Miramare
Foto realizzata dai ricercatori dell'Area Marina Protetta Miramare

Nelle acque del golfo di Triste è stato avvistato uno squalo della lunghezza approssimativa di circa 8 metri. Benché la stazza sia notevole, l’esemplare osservato appartiene al genere Cetorhinus. Si tratta, in sintesi di un pacifico squalo elefante (Cetorhinus maximus), detto anche cetorino o squalo pellegrino. Stando a quanto spiegato dai ricercatori dell'Area Marina Protetta Miramare, l’avvistamento – avvenuto nel tratto di mare tra Santa Croce e Marina di Aurisina, va considerato “rarissimo”.

Nessun pericolo per gli esseri umani

Nonostante le dimensioni l’enorme pesce cartilagineo risulta esser totalmente innocuo per gli esseri umani: si nutre quasi esclusivamente di plancton, e in minima parte di piccoli pesci. Sorpresi i ricercatori, che si dicono assolutamente felici della notizia. L’avvistamento di uno squalo elefante nel Mediterraneo è un evento da festeggiare. Il ritorno della specie viene infatti visto come un indicatore dell’ottimo stato di salute dei nostri ecosistemi. “È una splendida notizia per il Golfo di Trieste e per la sua biodiversità – commentano gli esperti dell'Area Marina Protetta Miramare - e dà segni di speranza per specie che sono sempre più minacciate in tutto il Mediterraneo. L'avvistamento dell'esemplare ritratto in questa foto ci è stato segnalato nei giorni scorsi e la specie è stata confermata dai nostri esperti”.

E' l'unico squalo parzialmente a sangue caldo

L’ultimo avvistamento nell’area di un Cetorhinus maximus risale al lontano 2015. Lo squalo elefante è di fatto una specie a rischio estinzione e per questo è sotto protezione dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), come anche della comunità scientifica internazionale. Diversamente dagli squali bianchi e dai cugini più piccoli il Cetorhinus maximus è un pesce “parzialmente a sangue caldo”. Riescono in qualche modo a regolare la propria temperatura corporea rispetto all'ambiente che li circonda. “È stato come scoprire che le mucche hanno le ali”, hanno commentato i ricercatori.

TiscaliNews   

I più recenti

Altro che ciliegi giapponesi: lo spettacolo dei meli italiani in fiore. Ecco dove vederli e gli appuntamenti
Altro che ciliegi giapponesi: lo spettacolo dei meli italiani in fiore. Ecco dove vederli e gli appuntamenti
Per ENI la colpa della crisi climatica è la tua
Per ENI la colpa della crisi climatica è la tua
L'auto è impantanata e cercano di tirarla fuori, il cane arriva e detta il ritmo
L'auto è impantanata e cercano di tirarla fuori, il cane arriva e detta il ritmo
Il cagnetto è molto felice: guardate come lo dimostra. E' davvero spassoso
Il cagnetto è molto felice: guardate come lo dimostra. E' davvero spassoso

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...