Tiscali.it
SEGUICI

Delfini e balenottere in via d’estinzione avvistati nell’Amp Tavolara

Durante le attività di monitoraggio gli operatori dell’Area Marina Protetta hanno avvistato una quindicina di delfini e almeno undici esemplari di stenelle striate

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   
Delfini e balenottere in via d’estinzione avvistati nell’Amp Tavolara

Le acque al largo della Sardegna e quelle dell’Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo rappresentano per i tursiopi, delfini costieri che vivono nei fondali bassi fino ai 200-250 metri di profondità, l’habitat ideale in cui riprodursi e vivere. E gli operatori dell’Amp lo sanno bene, visto che da tempo sono impegnati a portare avanti il progetto LIFE Delfi. Grazie all’Associazione SEA ME Sardinia, i ricercatori stanno aggiornando il database su questa specie protetta inserita, tra le altre, nell’allegato II della Direttiva Habitat. E proprio durante una delle attività di monitoraggio per la foto-identificazione degli individui, lo scorso 12 maggio, i biologi hanno fatto cinque avvistamenti di tursiopi, con almeno una quindicina di delfini in totale e raccolto importanti dati su ecologia e comportamento degli animali.

Ad arricchire ancora di più la giornata è stata un’eccezionale serie di avvistamenti tra cui un grande branco di stenelle striate e diversi avvistamenti di balenottera comune, l’unico misticete ritenuto regolare nel Mediterraneo e considerato in pericolo di estinzione, nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura. Almeno undici gli esemplari di balenottera comune avvistati in diversi gruppi, alcuni in alimentazione e altri in movimento verso nord, poco fuori l’Area Marina Protetta Tavolara punta Coda Cavallo, a testimonianza dell’importanza delle acque al largo della Sardegna anche per i grandi cetacei. Questo è il periodo in cui la specie si sposta dalle regioni meridionali del Mar Mediterraneo verso il Mar Ligure o anche altre aree di alimentazione come per esempio il noto Canyon di Caprera, al largo delle Bocche di Bonifacio, risalendo il Mar Tirreno e costeggiando l’isola. L’incessante lavoro di monitoraggio da parte del personale dell’Area Marina Protetta e di SEA ME Sardinia contribuisce a portare avanti lo studio dell’ecologia del delfino costiero tursiope e dell’interazione con le attività umane, una potenziale minaccia per questa specie.

Consorzio Costa Smeraldadi Consorzio Costa Smeralda   

I più recenti

Come funziona il greenwashing nella cosmetica e come evitarlo
Come funziona il greenwashing nella cosmetica e come evitarlo

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...