Tiscali.it
SEGUICI

Un primo passo importante per salvare i mari dalla plastica

greenpeace   
Un primo passo importante per salvare i mari dalla plastica

Quando, alcuni anni fa, abbiamo iniziato a denunciare gli impatti sempre più evidenti della plastica e delle microplastiche sul mare, avevamo un obiettivo chiaro: chiedere interventi urgenti alla politica per limitare l’abuso di plastica usa e getta.

Per riuscirci avevamo bisogno del sostegno di chi ama il mare: velisti, surfisti, appassionati di immersioni e amanti della natura nonché di volontarie e volontari, attivisti e attiviste e di chiunque sostiene Greenpeace.

Oggi siamo orgogliosi di dirvi che insieme abbiamo ottenuto un primo importante traguardo!

Finalmente entra in vigore anche in Italia la direttiva europea sulle plastiche monouso. Si tratta di un primo provvedimento, non risolutivo, che però segna una svolta importante. 

A partire da domani, infatti, non potranno più essere venduti molti oggetti in plastica monouso come piatti, posate, cannucce, agitatori per bevande, aste per palloncini, bastoncini cotonati e alcuni contenitori in polistirolo. A questi divieti si aggiungono inoltre importanti norme sulla riduzione del consumo (per bicchieri e alcuni imballaggi), obiettivi più ambiziosi di raccolta separata per le bottiglie e l’obbligo di usare quantità crescenti di materiale riciclato per produrle, rigorosi meccanismi di responsabilità estesa del produttore per palloncini, filtri di sigarette, salviette umidificate e attrezzi da pesca.

Balena soffocata dalla plastica al Carnevale di Viareggio. Credits: Francesco Alesi/ GreenpeaceQuesto importante successo appartiene anche a tutti coloro che sin dall’inizio hanno partecipato alla nostra campagna contro la plastica monouso.

Nel recepire la legge comunitaria, l’Italia ha però confermato di avere un approccio miope ai temi ambientali, che conferma la finzione ecologica del Governo Draghi. Sono state infatti introdotte deroghe ed esenzioni ingiustificate che violano i dettami comunitari e che espongono il nostro Paese a una procedura d’infrazione. Per i prodotti destinati ad entrare in contatto con gli alimenti, come le stoviglie, il provvedimento italiano consente infatti di aggirare il divieto europeo ricorrendo ad alternative in plastica biodegradabile e compostabile che, in base alla norma comunitaria, dovrebbero invece essere considerate al pari di quelle ricavate da plastiche derivate da petrolio e gas fossile.

Un’ulteriore violazione imputabile al nostro Paese è l’esclusione dall’ambito di applicazione della direttiva dei prodotti dotati di rivestimento in plastica con un peso inferiore al 10 per cento dell’intero prodotto. Se l’Italia voleva proteggere gli interessi dell’industria della plastica a scapito dell’ambiente possiamo dire che ha centrato l’obiettivo. 

Grazie al vostro supporto noi continueremo a sfidare le multinazionali ad assumersi le proprie responsabilità sul packaging che mettono in commercio e fare pressione sui governi affinché promuovano una vera transizione ecologica, priva di compromessi al ribasso, e modelli di produzione sostenibili in grado di limitare al minimo l’impatto sull’ambiente .

Intanto, questa prima grande vittoria, ottenuta col prezioso sostegno di chi ama il mare, infonde forza e speranza.

greenpeace   
I più recenti
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...