Tiscali.it
SEGUICI

Segnali concreti da Glasgow: stop ai fondi pubblici internazionali a progetti petroliferi e del gas

greenpeace   
Segnali concreti da Glasgow: stop ai fondi pubblici  internazionali a progetti petroliferi e del gas

L’Italia ha scelto di porsi dalla parte giusta e ha aderito ufficialmente all’impegno, sottoscritto da 23 Stati e soggetti finanziari pubblici come la Banca Europea degli investimenti, di smettere di finanziare progetti petroliferi e del gas fuori dai confini entro il 2022. Una decisione in linea con l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura globale entro 1,5°C.

Anche se il documento si riferisce ai “combustibili fossili non abbattuti” (unabated), cioè quei combustibili le cui emissioni non sono “abbattute” attraverso tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), chiudere questi rubinetti è un ottimo segnale.

Ci auguriamo che sia un primo passo per smettere di foraggiare progetti fossili, inquinanti e obsoleti, anche nel nostro Paese, in cui ad esempio i Sussidi Ambientalmente Dannosi ammontano ancora a 17,7 miliardi di euro.

Ci aspettiamo adesso che i piani industriali di aziende fossili controllate dal governo, come Eni e Snam, modifichino in modo coerente i loro piani industriali impegnandosi in una vera transizione energetica basata sulle rinnovabili e l’efficienza, senza puntare su false soluzioni e riducendo drasticamente le emissioni complessive di gas serra.

Lo stesso impegno dovrebbe essere preso da quelle istituzioni finanziarie private, da Banca Intesa San Paolo – la peggiore banca sul clima in Italia – oltre che da quelle che hanno iniziato un percorso come Unicredit e Assicurazioni Generali. L’Italia può giocare un ruolo di punta nella transizione energetica: è il momento di farlo!

Per approfondimenti leggi il nostro comunicato stampa con WWF e Legambiente 

greenpeace   
I più recenti
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Stop alla produzione di PFAS: le autorità fermano lo stabilimento della Solvay per 30 giorni
Stop alla produzione di PFAS: le autorità fermano lo stabilimento della Solvay per 30 giorni
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...