Tiscali.it
SEGUICI

Voli a corto raggio vietati per tagliare l’importazione del petrolio russo, la possibile soluzione dell’Ue

Stando all’analisi effettuata da Greenpeace CEE mettere fine ai voli a corto raggio, nei casi in cui esistesse un’alternativa in treno, farebbe risparmiare all’Unione miliardi di euro

di Will Rose - Greenpeace   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Secondo un’analisi di Greenpeace CEE (Central and Eastern Europe) mettere fine ai voli a corto raggio nei casi in cui esiste già un’alternativa in treno farebbe risparmiare all’UE carburante sufficiente a ridurre le importazioni annuali di petrolio dalla Russia per circa 2 miliardi di euro all’anno. E questa cifra potrebbe essere persino più alta a causa dell’attuale impennata dei prezzi del petrolio. Quasi il 70 per cento del petrolio in Europa, infatti, viene usato per i trasporti, e l’aviazione è uno dei settori più dipendenti da questa fonte energetica. L’UE importa circa il 27 per cento del petrolio dalla Russia, che è il suo principale fornitore. Ciò significa che, in media, un volo su quattro impiega petrolio russo. 

Ridurre il consumo di energia e la dipendenza dei trasporti europei dal petrolio, che alimenta sia conflitti sanguinosi sia la crisi del clima, è il modo più facile e veloce per tagliare i finanziamenti a Putin e frenare allo stesso tempo l’emergenza climatica.

I voli a corto raggio con un’alternativa ferroviaria già esistente, infatti, producono ogni anno circa 23,4 milioni di tonnellate di CO₂ equivalente. Un terzo delle rotte aeree brevi più trafficate in Europa ha addirittura un collegamento su rotaia di durata inferiore alle sei ore. Negli ultimi decenni l’aviazione è stata la fonte di emissioni di gas serra in più rapida crescita in Europa e, se non verranno intraprese misure immediate, il settore prevede di tornare ai livelli pre-Covid entro il 2024, con un raddoppio del traffico aereo a livello globale entro il 2037 e un conseguente aumento dei consumi di petrolio

Non solo dalla Russia, l’Ue deve ridurre la sua dipendenza dal petrolio

Quando i leader europei si riuniranno a Versailles giovedì e venerdì prossimi per discutere come ridurre la dipendenza dell’UE dalle importazioni di energia dalla Russia non dovranno semplicemente sostituire il petrolio russo con quello di altri Paesi, ma dovranno impegnarsi per ridurre la dipendenza da questa fonte fossile inquinate. Per raggiungere questo obiettivo, all’UE chiediamo: 

l’eliminazione graduale dei voli a corto raggio con alternative ferroviarie valide.di mettere fine alla vendita di auto a benzina e diesel in Europa entro il 2028 e di investire massicciamente nel miglioramento del settore ferroviario europeo, con almeno 30 nuovi collegamenti ferroviari nei prossimi tre anni. il divieto dei “voli fantasma” che viaggiano completamente vuoti o quasi.

di Will Rose - Greenpeace   
I più recenti
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...