Tiscali.it
SEGUICI

Le acque potabili di alcuni comuni lombardi sono contaminate da PFAS, sostanze chimiche pericolose per la salute: lo rivelano i nostri test

greenpeace   
Le acque potabili di alcuni comuni lombardi sono contaminate da PFAS, sostanze chimiche pericolose...

11 campioni su 31 raccolti in 11 province lombarde sono risultati inquinati. Abbiamo presentato esposto alle Procure competenti per chiedere misure immediate

Tra il 12 e il 18 maggio 2023, abbiamo raccolto 31 campioni di acqua potabile nelle dodici province della Lombardia, successivamente analizzati da un laboratorio indipendente, per monitorare la situazione attuale della contaminazione da PFAS (composti poli e perfluoroalchilici) nelle acque potabili lombarde. I PFAS sono un ampio gruppo di sostanze chimiche di sintesi (oltre 10 mila), prodotte dalle industrie, associate a numerose patologie, anche gravi, tra cui alcune forme tumorali: anche per questo diversi Stati in Europa hanno deciso di chiederne la messa al bando. 

Chiedi con noi le messa al bando dei PFAS in tutta Italia!I risultati dei test

Le analisi hanno rilevato la presenza di PFAS in 11 campioni su 31, pari a circa il 35% del totale, nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Milano, Lodi, Varese.

In 4 casi abbiamo riscontrato una contaminazione da PFAS superiore al limite della Direttiva europea 2020/2184, pari a 100 nanogrammi per litro. È avvenuto:

a Crespiatica e Corte Palasio, entrambi in provincia di Lodi (rispettivamente 1.840 ng/l e 104 ng/l per la somma di PFAS);a Caravaggio e Mozzanica (in provincia di Bergamo), appena fuori da scuole dell’infanzia (rispettivamente 132 ng/l e 116 ng/l per la somma di PFAS).

I restanti 7 campioni lombardi risultati contaminati provenivano da:

Pontirolo Nuovo (Bergamo), con concentrazioni pari a 12 ng/lMariano Comense (Como), con concentrazioni pari a 54 ng/lCapriolo, Somma Lombardo, Mariano Comense, via Civitavecchia e via Cusago a Milano, con concentrazioni superiori ai valori più cautelativi per la salute umana vigenti in Danimarca o proposti negli Stati Uniti. Puoi consultare la mappa e i risultati completi dei nostri campionamenti QUI.

In quasi tutti i casi, i risultati delle nostre analisi confermano le criticità già evidenziate dai dati che avevamo ottenuto dai gestori e dagli enti pubblici lombardi, diffusi lo scorso maggio. 

I rischi per la salute

A seguito delle analisi, abbiamo presentato sei esposti destinati alle Procure lombarde di riferimento per chiedere di individuare le fonti inquinanti, bloccare l’inquinamento e adottare misure per impedire che la popolazione beva acqua contaminata da PFAS. I campioni che abbiamo raccolto provengono per la maggior parte da fontane pubbliche, spesso ubicate in parchi giochi o in prossimità di scuole primarie: si tratta di “punti sensibili” perché i minori potenzialmente esposti alla contaminazione sono soggetti a maggior rischio.

Le concentrazioni elevate riscontrate in alcuni comuni richiedono un intervento immediato: lo scorso luglio, per esempio, a Montebello Vicentino (in provincia di Vicenza) la presenza di valori superiori a 100 nanogrammi per litro ha portato a sospendere per alcuni giorni l’erogazione dell’acqua potabile al fine di evitare rischi per la salute

Sono necessarie campagne di monitoraggio capillari e periodiche sulle acque potabili, basate sulla trasparenza e la condivisione dei dati con la cittadinanza, per limitare la presenza di PFAS, tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini.

Se vogliamo bloccare l’inquinamento all’origine, dobbiamo vietare l’uso e la produzione di tutti i PFAS su tutto il territorio nazionale!

Chiedi con noi le messa al bando dei PFAS in tutta Italia!

Per approfondire, leggi cosa sono i PFAS e dove si trovano QUI.

greenpeace   
I più recenti
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...