Tiscali.it
SEGUICI

I nostri pannelli solari per la ricostruzione verde dell’Ucraina

greenpeace   
I nostri pannelli solari per la ricostruzione verde dell’Ucraina

Lanciato un progetto pilota con energia rinnovabile nell’ospedale di Horenka

Pannelli solari al posto delle bombe. Anche Greenpeace ha deciso di contribuire alla ricostruzione dell’Ucraina e ha scelto di farlo all’insegna della sostenibilità, per dimostrare che la ricostruzione verde è possibile anche in tempo di guerra. Siamo partiti dall’ospedale di Horenka, un villaggio vicino alla martoriata Bucha, che lo scorso 24 febbraio si è svegliato sotto le bombe russe. Nel marzo 2022, l’edificio è stato colpito da una granata e ha riportato danni al sistema di riscaldamento.

The destruction of Horenka village

Con le associazioni ucraine Ecoaction, Ecoclub e Victory of Ukraine abbiamo promosso un progetto per installare un impianto solare fotovoltaico associato con una pompa di calore geotermica e batterie, all’interno della clinica. Grazie alle tecnologie verdi, all’inizio di febbraio l’ospedale è tornato a funzionare a pieno regime, aumentando la sua indipendenza energetica e riducendo le sue emissioni di CO2.

I benefici sono climatici ed economiciOspedale di Horenka

Anche i costi delle bollette scenderanno nettamente: i 56 mila euro spesi per il nuovo impianto saranno interamente recuperati in 6-7 anni grazie al risparmio energetico. Il nuovo sistema potrà coprire fino al 70 per cento del consumo energetico della clinica (in caso di connessione alla rete con scambio di elettricità), con un risparmio dell’80 per cento dei costi. In queste settimane, l’ospedale non ha più dovuto accendere il suo inquinante generatore diesel: i nuovi pannelli fotovoltaici hanno fornito l’elettricità anche durante i blackout, grazie alle batterie, consentendo il funzionamento delle apparecchiature critiche 24 ore su 24, sette giorni su sette.

Con questo progetto pilota, abbiamo voluto dimostrare che l’energia solare può garantire la sicurezza energetica.Tutti gli edifici da ricostruire in Ucraina – abitazioni, scuole, ospedali – potrebbero utilizzare tecnologie verdi e misure di efficienza energetica per ridurre i costi delle bollette e l’impatto sul clima.  Per questo chiediamo alla Commissione Europea di inserire i pannelli solari e le pompe di calore nel pacchetto di aiuti per l’Ucraina. E alle autorità ucraine proponiamo di includere le apparecchiature solari e le pompe di calore nell’elenco degli aiuti.

Denys Tsutsaiev, Greenpeace CEE campaigner.

“Dobbiamo prendere in considerazione tecnologie efficienti dal punto di vista energetico, che non facciano solo risparmiare soldi, ma riducano anche le emissioni di CO2 e il nostro impatto negativo sull’ambiente”, spiega Denys Tsutsaiev di Greenpeace Central and Eastern Europe. “Non vogliamo che i fondi stanziati per la ricostruzione dai partner internazionali siano spesi per vecchie tecnologie inquinanti. Ecco perché abbiamo deciso di mostrare l’efficienza delle pompe di calore in questo contesto”.

“Il nostro obiettivo è trovare città partner in Europa che siano pronte ad aiutare le comunità locali ucraine nella ricostruzione ecologica. Il principio fondamentale della ricostruzione dovrebbe essere ‘Build Back Better’ (ricostruire meglio),” aggiunge Tsutsaiev

L’auspicio è presentare almeno altri cinque progetti di ricostruzione verde, più grandi e ambiziosi. Con la speranza che, nel frattempo, le armi cedano il posto ai negoziati di pace.

greenpeace   
I più recenti
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...