Tiscali.it
SEGUICI

Gli Stati Uniti contro i PFAS: limiti ridotti al minimo nell’acqua potabile

greenpeace   
Gli Stati Uniti contro i PFAS: limiti ridotti al minimo nell’acqua potabile

Giro di vite sui PFAS! L’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente degli Stati Uniti (EPA) ha preso una decisione che tutelerà la salute di quasi 100 milioni di persone

La nuova direttiva nazionale introdurrà limiti molto severi sulla presenza di PFAS (sostanze poli- e per-fluoroalchiliche) nell’acqua potabile. In particolare le molecole PFOA e PFOS, che l’OMS di recente aveva dichiarato rispettivamente “cancerogeno per l’uomo” e “possibile cancerogeno per l’uomo”, dovranno essere ridotte allo zero tecnico. Una notizia che segna un importante passo in avanti nella lotta contro l’inquinamento da PFAS

METTIAMO AL BANDO I PFAS!Tolleranza (quasi) zero: la presenza di PFAS nell’acqua potabile negli USA avrà limiti molto severi

Grazie alle misure dell’EPA, negli Stati Uniti sarà possibile prevenire migliaia di morti e decine di migliaia di malattie gravi attribuibili ai PFAS.

I limiti imposti per ridurre drasticamente l’esposizione ai PFAS coinvolgono sei molecole, nello specifico:

PFOAPFOSPFHxSPFNAHFPO-DA (comunemente noto come GenX)Miscele contenenti due o più tra PFHxS, PFNA, GenX e PFBS

Ecco cosa prevede la norma anti-PFAS stabilita dall’EPA

i gestori del servizio idrico pubblico dovranno monitorare le sei molecole PFAS stabilite dalla legge e avranno tre anni per completare il monitoraggio iniziale (entro il 2027), che sarà seguito da un monitoraggio continuo. A partire dal 2027, i sistemi idrici dovranno inoltre fornire al pubblico informazioni sui livelli di questi PFAS nell’acqua potabileentro il 2029 si dovranno mettere in atto soluzioni che riducano la presenza dei PFAS, nel caso in cui il monitoraggio dovesse mostrare inquinamento dell’acqua potabile oltre i livelli consentitidal 2029, nei casi in cui i  valori di PFAS nell’acqua potabile dovessero superare i livelli consentiti i gestori del servizio idrico dovranno agire per ridurli e fornire pubblica notifica della violazioneSTOP PFAS!E in Italia quando avremo una legge “no PFAS”?

Il provvedimento preso dagli Stati Uniti contro i PFAS è un precedente importante che mostra la strada che anche il governo italiano dovrebbe intraprendere.

A tal proposito Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna inquinamento di Greenpeace Italia, ha dichiarato:

«Il Veneto è teatro di uno dei più grandi casi di contaminazione da PFAS al mondo e Greenpeace Italia ha dimostrato la presenza di queste sostanze anche nei corsi d’acqua della Toscana e nelle acque potabili di diversi comuni della Lombardia e del Piemonte, a concentrazioni che, da oggi, negli Stati Uniti sono considerate pericolose per la salute umana. In Italia l’inquinamento da PFAS è un’emergenza nazionale fuori controllo, soprattutto per la mancanza di provvedimenti che limitino l’uso e la produzione di queste sostanze a tutela dell’ambiente e della salute. Per quanto tempo ancora si continuerà a ignorare il problema condannando le persone a subire gli effetti dell’inquinamento? Il governo Meloni segua l’esempio degli Stati Uniti e adotti subito una legge nazionale che vieti l’uso e la produzione di queste pericolose molecole. Non c’è più tempo da perdere: bere acqua pulita e priva di PFAS è un diritto che le istituzioni devono garantire».

È arrivato il momento di prendere posizione contro i PFAS anche in Italia

Aiutaci a fare pressione sul governo affinché queste pericolose sostanzesiano finalmente messe al bando.

FIRMA LA PETIZIONE

greenpeace   

I più recenti

Come funziona il greenwashing nella cosmetica e come evitarlo
Come funziona il greenwashing nella cosmetica e come evitarlo
Le vespe sono le loro antenate ed hanno 5 occhi: 8 curiosità sulle api che ti sorprenderanno
Le vespe sono le loro antenate ed hanno 5 occhi: 8 curiosità sulle api che ti sorprenderanno
Lettera aperta della società civile sulla revoca delle misure ambientali nell’UE
Lettera aperta della società civile sulla revoca delle misure ambientali nell’UE
L’Italia punta su armi e spese militari, ma ci rimettiamo tutti
L’Italia punta su armi e spese militari, ma ci rimettiamo tutti

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...