Tiscali.it
SEGUICI

Terra a rischio, per sei dei nove limiti planetari abbiamo già oltrepassato le soglie di sicurezza

A partire dal 2009 gli scienziati hanno individuato una serie di indicatori per monitorare lo stato di salute della Terra. A ognuno è associato una soglia di sicurezza, calcolata su basi scientifiche, che sarebbe meglio non superare

greenpeace   
Terra a rischio, per sei dei nove limiti planetari abbiamo già oltrepassato le soglie di sicurezza

Siamo abituati a monitorare il nostro stato di salute con una serie di parametri come la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo nel sangue, la temperatura corporea o la frequenza cardiaca. Per ognuno esistono degli intervalli numerici in grado di indicarci se il nostro organismo presenta delle anomalie e, consultandoci con un dottore, possiamo scegliere quali correttivi adottare, anche a seconda della gravità della situazione.

Come per il nostro corpo, anche per il nostro Pianeta – che potremmo considerare un unico e grande superorganismo interconnesso – succede un po’ la stessa cosa. A partire dal 2009 gli scienziati hanno individuato una serie di indicatori per monitorare lo stato di salute della Terra. A ognuno è associato una soglia di sicurezza, calcolata su basi scientifiche, che sarebbe meglio non superare. Si chiamano limiti planetari e circoscrivono uno spazio sicuro in cui l’umanità può vivere e prosperare. Come dei confini invisibili, delimitano lo stato favorevole e stabile in cui la Terra è rimasta negli ultimi 10.000 anni e che ha permesso alla nostra specie di svilupparsi in società complesse. Purtroppo, per sei dei nove limiti planetari, abbiamo già oltrepassato le soglie di sicurezza: è  questa la conclusione di uno studio pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Science Advances.

La Terra è un paziente che non se la passa molto bene. Dal riscaldamento globale, alla perdita di biodiversità e di integrità della biosfera, dall’immissione nell’ambiente di inquinanti di sintesi come le plastiche e i PFAS, all’alterazione dei  cicli dell’azoto, del fosforo e dell’acqua: sei dei nove parametri sono al di là del livello di guardia. Due invece sono molto vicini al limite: l’inquinamento atmosferico e l’acidificazione degli oceani. L’unico che al momento non è minacciato è l’ozono atmosferico.

Il buon senso ci indica che, come avviene per la nostra salute, se dopo un check-up numerosi parametri sono oltre le soglie di sicurezza, è opportuno intervenire. Purtroppo, per riportare la Terra entro i confini sicuri dei limiti planetari stiamo facendo ben poco. Eppure, l’unico parametro che oggi risulta entro i limiti – l’ozono atmosferico – ci indica che, come specie e forza dominante sul pianeta, possiamo sicuramente fare molto per cambiare la situazione. L’integrità dello strato di ozono atmosferico  è stata messa in serio rischio in passato, ma negli ultimi decenni la graduale eliminazione delle sostanze chimiche artificiali in grado di distruggerlo ha permesso di ridurre il cosiddetto buco dell’ozono.

Sebbene oltrepassare un singolo confine planetario non equivalga a cambiamenti drastici che avvengono da un giorno all’altro, nel loro insieme il superamento di più soglie critiche si traduce in un significativo aumento dei rischi per l’umanità e per gli ecosistemi di cui noi stessi facciamo parte. Viviamo quindi in un mondo tutt’altro che stabile e sano, che potrebbe subire cambiamenti irreversibili. La Terra, seppur stravolta, sopravviverà. Ma su un pianeta sottoposto a crisi multiple indotte dalle attività umane, milioni di persone rischiano di non avere questa stessa certezza. È tempo di cambiare!

greenpeace   
I più recenti
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
La Giusta Causa contro ENI: abbiamo fatto ricorso in Cassazione per la giustizia climatica!
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
È arrivata in Italia la prima intensa ondata di caldo di inizio estate: in zona Colosseo, San...
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...