Tiscali.it
SEGUICI

Caro carburante, la crisi non ha colpito tutti: chi ci guadagna e cosa dovrebbe fare l’Europa per arrestare la corsa dei prezzi

Mentre milioni di persone in tutta Europa fanno i conti con aumenti senza precedenti delle spese per i carburanti, le multinazionali del petrolio stanno incassando margini di profitto enormi, vendendo a prezzi vertiginosi anche quando la loro base di costo non è particolarmente intaccata

greenpeace   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Mentre milioni di persone in tutta Europa fanno i conti con aumenti senza precedenti delle spese per i carburanti, le multinazionali del petrolio stanno incassando margini di profitto enormi, vendendo a prezzi vertiginosi anche quando la loro base di costo non è particolarmente intaccata. Lo dimostra l’analisi commissionata da Greenpeace Central and Eastern Europe che diffondiamo oggi. 

Milioni di extraprofitto al giorno

Dall’inizio della guerra in Ucraina, secondo la nostra analisi, le compagnie petrolifere hanno generato almeno 3 miliardi di euro di extra-profitti dalla vendita di diesel e benzina in Europa. Con una media di 107 milioni di euro di entrate extra al giorno – 94 dalla vendita di diesel e 13 da quella di benzina – solo nel mese di marzo. 

In Italia le entrate extra delle compagnie petrolifere nel mese di marzo 2022 sono state in media di 387,5 milioni di euro, pari a 12,5 milioni al giorno (10,4 dalla vendita di diesel, 2,1 da quella di benzina). 

Dalla nostra analisi emerge inoltre che, sebbene i prezzi del greggio siano aumentati di 19,38 centesimi di euro al litro da gennaio a marzo, il vero aumento c’è stato nei prodotti raffinati come il diesel, che ha registrato +30/31 centesimi al litro, e +36,52 alle stazioni di rifornimento. Anche i prezzi della benzina hanno seguito un trend simile, ma più debole.

Alla luce di questi dati, chiediamo alla Commissione UE un’indagine sui recenti aumenti dei prezzi dei carburanti per verificare che non sia dovuta ad accordi di cartello o di fissazione dei prezzi. Allo stesso tempo, chiediamo alle aziende dell’oil&gas di rendere pubblica l’entità degli extra-profitti accumulati.

Tassare gli extraprofitti per aiutare le famiglie 

Le compagnie petrolifere stanno facendo salire i prezzi per trarre profitti record dalla guerra e dalla crisi energetica che loro stesse hanno contribuito ad alimentare. L’Unione Europea deve fermarle e tassare questi enormi profitti, utilizzando le entrate così ottenute per sostenere le famiglie più colpite e accelerare la transizione del settore dei trasporti verso forme di mobilità sostenibile, riducendo anche la sua dipendenza dal petrolio.

In Italia il governo ha provato a farlo e ha già adottato una tassa sugli extra profitti, ma la misura deve essere decisamente rivista e migliorata in quanto troppo timida sul contributo (solo il 10 per cento degli extra-profitti) e poco focalizzata sulle aziende dei combustibili fossili, che alimentano il conflitto in corso. 

Liberare il settore dei trasporti dal petrolio

Infine, sono necessarie da subito misure per ridurre la dipendenza dei trasporti europei dal petrolio. Nonostante circa il 70 per cento del petrolio consumato in Europa venga usato per i trasporti, l’Unione Europea ha ignorato il settore nella bozza del piano REPowerEU per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia.

Serve invece potenziare il trasporto pubblico ed elettrico, vietare i voli a corto raggio che hanno già un’alternativa ferroviaria, finanziare la mobilità alternativa nelle città e mettere fine alla vendita delle auto con motore endotermico. Gli sconti alla pompa di benzina non bastano per uscire da una crisi destinata a ripresentarsi fintanto che non ridurremo ed elimineremo la dipendenza europea dai combustibili fossili.

greenpeace   

I più recenti

Oltre gli allevamenti intensivi: la nostra proposta di legge
Oltre gli allevamenti intensivi: la nostra proposta di legge
Milano e la Pianura Padana sono tra le aree più inquinate in Europa (e c’entrano anche gli allevamenti intensivi)
Milano e la Pianura Padana sono tra le aree più inquinate in Europa (e c’entrano anche gli allevamenti intensivi)
Il 16 febbraio c’è la prima udienza contro ENI
Il 16 febbraio c’è la prima udienza contro ENI
Nave sconosciuta naufraga a Trinidad e Tobago: una marea nera di petrolio invade il mare e la costa
Nave sconosciuta naufraga a Trinidad e Tobago: una marea nera di petrolio invade il mare e la costa

Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...