Tiscali.it
SEGUICI

Bla bla bla: mentre i ministri discutono la legge sulla deforestazione, la foresta scompare!

greenpeace   
Bla bla bla: mentre i ministri discutono la legge sulla deforestazione, la foresta scompare!

Climbers scaled the facade of the EU Council headquarters in Brussels and displayed a live counter of the amount of forest destroyed around the world while environment ministers were meeting inside to discuss a proposed EU law to tackle deforestation: about 3300 hectares, or an area the size of the City of Brussels, has been wiped out during a 3-hour discussion.

I ministri dell’Ambiente dei Paesi europei hanno discusso oggi la bozza della normativa per eliminare dalle filiere dell’Ue i prodotti la cui estrazione, raccolta o produzione ha o rischia di gravi impatti sulle foreste del Pianeta. Solo nelle prime tre ore di riunione, sono andati persi circa 3.300 ettari di foreste, un’area pari all’estensione della città di Bruxelles!

Sono sei le attiviste e gli attivisti di Greenpeace Belgio che oggi hanno scalato la facciata della sede del Consiglio europeo -dove si è tenuto l’incontro- per mostrare proprio quanti ettari di foresta sono andati in fumo in sole tre ore di dibattito.  

Sebbene la normativa proposta per ridurre il contributo dell’Ue alla deforestazione sia un importante passo avanti, restano ancora gravi lacune come:

l’inadeguata tutela dei diritti umani,la necessità di proteggere anche altri importanti ecosistemi diversi dalle foreste (come, per esempio, le savane e le aree umide),l’omissione di obblighi per il settore finanziario; eil mancato inserimento nella lista di materie prime e prodotti interessati dalla normativa di gomma, mais e carne di maiale e pollo, la cui produzione ha gravi impatti su foreste e biodiversità.Quali materie prime e prodotti fanno già parte della lista interessata dalla normativa? Al momento:olio di palma; soia; carne bovina e cuoio; cacao; caffè; cellulosa e legno.

Dopo l’incontro di oggi, i ministri dell’Ambiente degli Stati membri dovrebbero concordare la loro posizione rispetto alla normativa entro la prossima riunione, che si terrà il 28 giugno. Anche il Parlamento europeo ha iniziato a redigere la sua posizione, con il voto in Commissione Ambiente previsto per l’11 luglio.

Ci sono multinazionali e governi che stanno facendo di tutto per annacquare questa normativa: per esempio, nonostante gli impegni presi durante l’ultimo vertice mondiale sul clima (Cop26) per accelerare la protezione delle foreste, quattro delle più grandi aziende agroalimentari del mondo (Bunge, Cargill, ADM e Viterra) stanno cercando delle scappatoie per aggirare l’obbligo di tracciabilità di prodotti e materie prime. Il loro intento è di evitare l’obbligo di indicare con precisione l’appezzamento di terreno dove sono state coltivate le materie prime (nel caso della soia o dell’olio di palma e dei loro derivati come mangimi o biocombustibili) o dove hanno pascolato gli animali (nel caso della carne e del cuoio). Ciò indebolirebbe gravemente la normativa.

Tra il 2015 e il 2020, il mondo ha perso circa 51 milioni di ettari di foreste, pari a un’area delle dimensioni di un campo da calcio ogni due secondi, soprattutto a causa dell’espansione dell’agricoltura industriale. Chiediamo al ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani e ai ministri competenti dei Paesi membri di colmare le attuali lacune della normativa e non di indebolirla ulteriormente!

Non mangiarti le foreste!

L’80% della deforestazione del mondo è causata dalla produzione intensiva di materie prime, soprattutto agricole: praticamente, cibo che divora le foreste. Soia, olio di palma, cacao, carne, avocado, sono i responsabili di una distruzione senza precedenti. Stiamo decimando le foreste per far posto all’agricoltura massiva e industriale. Un milione di specie è a rischio di estinzione. Se vogliamo salvare il clima e la biodiversità, dobbiamo salvare le foreste.

Partecipa

greenpeace   
I più recenti
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...