Tiscali.it
SEGUICI

Ancona, Greenpeace Italia aderisce alla manifestazione del 15 ottobre ad un mese dall’alluvione

greenpeace   
Green Peace

Greenpeace Italia aderisce convintamente alla manifestazione indetta per il 15 ottobre ad Ancona, un mese dopo la terribile alluvione che ha colpito uomini, donne e bambini nelle Marche. 

«Quanto avvenuto nelle Marche è la tragica conferma che l’inferno climatico alimentato dalle aziende dei combustibili fossili, che per decenni hanno negato il problema e oggi promuovono false soluzioni investendo in propaganda e greenwashing, sta colpendo con violenza anche il nostro Paese», dichiara Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace Italia. «Gli eventi climatici estremi si moltiplicano e sono sempre le persone piú vulnerabili a pagarne le conseguenze, mentre l’industria delle fonti fossili continua a incassare milioni di extra-profitti. Sulla nostra pelle». 

Greenpeace aderisce in solidarietà delle vittime e di tutta la popolazione delle Marche, per chiedere che quanto successo un mese fa non diventi l’ennesimo allarme inascoltato. L’appello dell’organizzazione ambientalista è di svincolare l’Italia e l’Europa dalle fonti fossili puntando su energie rinnovabili ed efficienza energetica per proteggere davvero le persone, contrastare la deriva climatica e ridurre la frequenza di eventi così disastrosi. 

«Oggi in Italia assistiamo al rilancio di nuove trivellazioni e al moltiplicarsi di infrastrutture, come i rigassificatori, che ci vincolerebbero per decenni a una fonte pericolosa per il clima e l’economia, come il gas fossile, e al ritorno di impercorribili opzioni sul nucleare, che servono solo a distrarci dall’impellente necessità di abbandonare il prima possibile gas, petrolio e carbone», conclude Giannì.

greenpeace   
I più recenti
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
PFAS nel sangue degli abitanti del Comune di Alessandria: superata la soglia di sicurezza
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Il Consiglio di Stato belga ha condannato i responsabili di un maxi inquinamento da PFAS ad Anversa
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Seamount, le montagne sottomarine che nascondono un mondo di biodiversità da proteggere
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Terra bruciata: come rendere Gaza inabitabile per le prossime generazioni
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...