Tiscali.it
SEGUICI

Altro che trivelle! Il mare Adriatico ha bisogno di aree protette 

greenpeace   
Altro che trivelle! Il mare Adriatico ha bisogno di aree protette 

I nuovi progetti di estrazione di idrocarburi minacciano le popolazioni di tursiopi e tartarughe: i risultati della nostra ricerca

Durante l’ultima spedizione nell’Alto Adriatico, Greenpeace ha offerto la sua nave Rainbow Warrior come piattaforma di ricerca al Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell’Università di Padova, che ha il compito di monitorare la popolazione di delfini e tartarughe in un’area da poco protetta proprio di fronte al Parco del Delta del Po. L’obiettivo è testimoniare la ricchezza di questo tratto di mare, colpito da impatti multipli: pesca eccessiva, trasporti, estrazione di idrocarburi, inquinanti portati dai fiumi e da altre fonti terrestri. A tutto questo si aggiunge la minaccia della concessione offshore Teodorico, un assurdo progetto di trivellazione che potrebbe partire proprio a ridosso di questo Sito di Importanza Comunitaria (SIC) ricco di vita. I risultati della ricerca confermano infatti la diffusa presenza di delfini e tartarughe: altro che trivelle, serve un’area protetta più ampia per difenderli!

Un mare ricco di vita

I dati raccolti vanno oltre le attese e mostrano come quest’area, pur esposta a diverse tipologie di impatti ambientali, sia ricca di biodiversità. I ricercatori, impegnati in una settimana di monitoraggi visivi ed acustici, hanno registrato: 

14 avvistamenti di tursiopi e 8 di tartarughe marine nell’area protetta, a conferma dell’importanza di questo areale marino e della sua gestione per entrambe le specie. 5 avvistamenti di tursiopi e 7 di tartarughe marine nell’area, limitrofa al SIC, individuata per lo sviluppo del progetto Teodorico di estrazione di idrocarburi.la presenza di delfini giovani e cuccioli in entrambe le aree, a testimonianza della presenza di una popolazione attiva a livello riproduttivo. Lorenzo Moscia / Greenpeace

Dai dati acustici, inoltre, in particolare nell’area tra il SIC e il progetto Teodorico, emerge un comportamento degli animali riconducibile a socializzazione o ecolocalizzazione a fini alimentari. Questo suggerisce che il rumore prodotto dalle attività correlate al progetto Teodorico potrebbe avere un grave impatto sulla popolazione di delfini che vive in queste acque. Allo stesso modo, le registrazioni del rumore prodotto da natanti nelle vicinanze degli animali hanno evidenziato il disturbo ad opera del traffico marittimo in Adriatico Settentrionale sulla popolazione di cetacei. 

I dati raccolti confermano che l’ecosistema marino dell’Adriatico Settentrionale è unico nel suo genere, con habitat e specie chiave che vanno protette dalle attività umane, a partire dai progetti di estrazione che ne minacciano l’intero equilibrio.

Particolare importanza ha il Delta del Po e l’area di mare che gli sta davanti, ricca di nutrienti che “attirano” numerose specie. Trivellare in quest’area genera rischi diretti: inquinamento, rumore e subsidenza (dopo le trivellazioni il terreno “sprofonda”), a cui si aggiungono quelli dell’estrazione e dell’impiego del metano, che è un pericoloso gas serra. Il cambiamento climatico minaccia già il Mediterraneo in generale e il delta del Po in particolare.

Questo mare non han bisogno di nuove trivelle ma di una corretta e sostenibile gestione dell’area protetta e di un suo ampliamento. Per difendere il mare, e noi tutti.

greenpeace   
I più recenti
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Dichiarazione di Greenpeace sulla guerra in corso a Gaza
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Le coltivazioni “Made in Italy” sono a rischio: Italia sempre più calda, divisa tra eventi estremi...
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Pride Month: perché non c’è giustizia climatica senza giustizia queer
Stop alla produzione di PFAS: le autorità fermano lo stabilimento della Solvay per 30 giorni
Stop alla produzione di PFAS: le autorità fermano lo stabilimento della Solvay per 30 giorni
Le Rubriche

Tessa Gelisio

Fin da piccola Tessa Gelisio si occupa di ambiente collaborando con associazioni...

Claudia Mura

Nata a Cagliari nel 1968, si è laureata in Filosofia nel 1997. Dopo alcune...

Stefania Divertito

Napoletana, è giornalista d’inchiesta, comunicatrice e scrittrice specializzata...

Roberto Zonca

Nato a Cagliari il 10 giugno del 1974. Giornalista professionista, perito...

Serena Ritarossi

Di origine ciociara, classe '94, si laurea in Editoria e Scrittura alla Sapienza...

Greenpeace

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e...

Ignazio Dessì

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Consorzio Costa Smeralda

Il territorio gestito dal Consorzio Costa Smeralda è il tratto costiero della...

LegAmbiente

Associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a...

Animali Senza Casa

Animali senza casa è un sito che raccoglie più di 1500 annunci di cani e gatti...

Paola Babich

Giornalista professionista. S'occupa di ambiente, turismo, attualità, cultura...